Schiaffi, pugni e sculacciate agli alunni: docente accusato di maltrattamenti

Scuola

Secondo gli inquirenti avrebbe colpito con schiaffi e pugni i suoi studenti instaurando in classe un «clima di violenza e sopraffazione». E’ l’accusa contestata a un docente di 60 anni del Convitto nazionale “Giordano Bruno” di Maddaloni (Caserta), al quale i carabinieri hanno notificato una misura cautelare di divieto di dimora nel Comune dove ha sede l’istituto, emessa dal gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Il docente, che è accusato di maltrattamenti aggravati, è originario di Napoli.

Le indagini sono partite nel maggio scorso, in seguito alla denuncia presentata da alcuni alunni, che lamentavano gli atteggiamenti violenti tenuti in classe dal professore, che insegna nelle ore pomeridiane. La Procura di Santa Maria Capua Vetere ha delegato gli accertamenti ai carabinieri della compagnia di Maddaloni, che hanno collocato microspie in classe per verificare l’attendibilità delle accuse. E’ così emerso – afferma la Procura in una nota firmata dal Procuratore aggiunto Alessandro Milita – che il docente «ricorreva all’uso sistematico della forza ai danni delle vittime, mediante schiaffi, pugni, sculacciate, spintonando gli alunni contro i banchi, e percuotendoli con oggetti contundenti». Qualche studente ha cambiato sezione mentre qualcun’altro ha rinunciato a frequentare i corsi pomeridiani pur di evitare il docente.

Leggi anche:
– 
Procura di Roma, i candidati restano otto Cinque si ritirano, oggi prime audizioni degli aspiranti successori a Pignatone
– Nuovo voto al Csm, addio indipendenti: solo 3 candidati e Area cambia strategia dopo la bruciante sconfitta di inizi ottobre
Spari in ospedale, arrestato il padre del medico aggredito
Arriva il Fondo Salva Casa per aiutare le famiglie che rischiano di perderla
Minacce di morte al figlio per cedere l’autorimessa, incubo finisce con due arresti
-Il pm Vincenzo D’Onofrio nel mirino della camorra irpina
-Tangenziale di Napoli, ecco tutti i percorsi alternativi per evitare la paralisi
-Terrore nella notte a Napoli per un incendio in piazza Mercato
Intesa sulla Manovra: carcere per evasori, slitta limite contante
– Mediaworld lo licenzia per il reclamo di un cliente, il tribunale reintegra il dipendente e dispone il risarcimento
– Whirlpool Napoli, i sindacati scendono in piazza: proclamato uno sciopero generale dell’industria e del terziario

martedì, 22 Ottobre 2019 - 17:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA