Detenuto all’ergastolo ostativo muore in ospedale, aveva chiesto di curarsi a casa perché affetto da una grave malattia

Cella Carcere

E’ morto nella tarda serata di ieri nell’ospedale San Martino di Oristano, Mario Trudu, 69 anni, di Arzana, detenuto in regime di ergastolo ostativo. L’uomo, gravemente malato, aveva chiesto per anni di uscire dal carcere per poter curare alcune patologie da cui era affetto. Recluso sino a poche settimane fa nell’istituto penitenziario di Massama, a Oristano, stava scontando condanne per due sequestri di persona: la sua detenzione durava da 41 anni.

Trudu a fine settembre era stato ricoverato al San Martino per essere sottoposto a un intervento chirurgico. Lo scorso 3 ottobre aveva ottenuto gli arresti domiciliari per gravi problemi di salute, ma nella sua casa di Arzana non è riuscito a tornare: le condizioni di salute dell’ergastolano nei giorni scorsi si sono ulteriormente aggravate sino al decesso avvenuto ieri sera. Per consentirgli di curarsi fuori dalla cella, a metà settembre si erano mobilitati la presidente dell’associazione Socialismo diritti e riforme, Maria Grazia Caligaris (che aveva seguito il suo grave caso negli ultimi anni), il Garante dei detenuti del comune di Oristano, Paolo Mocci e la sua legale Monica Murru. Quest’ultima aveva annunciato un esposto alla procura, sostenendo che, senza le cure prescritte, il suo cliente, malato di tumore, non sarebbe sopravvissuto. Sulla situazione sanitaria di Trudu era intervenuto anche il Garante nazionale delle Persone private della libertà, Mauro Palma. Mario Trudu aveva ottenuto il temporaneo differimento della pena, disposto dal magistrato di Sorveglianza di Cagliari, che aveva accolto l’istanza della sua avvocata, in attesa dell’udienza in programma il prossimo 5 novembre. L’ergastolano, era affetto da un tumore prostatico e da un’altra grave patologia polmonare. Una morte che arriva il giorno dopo la pronuncia della Consulta che ha dichiarato incostituzionale l’ergastolo ostativo.

Leggi anche:
– Omicidio Luca Sacchi, fermati due romani Spunta l’ipotesi di una compravendita di droga finita male, si cerca l’arma
Diktat di Costa a De Magistris: «Svuotare ex Icm in 5 giorni»
Maxi sequestro di pomodorini del piennolo e vino campano
Astensione dei penalisti, salta l’udienza per il processo Rigopiano
Agente della Polizia Municipale di Napoli suicida all’alba
La Manovra economica introduce la «Carta bimbi» da 250 euro mensili
Omicidio di Luca Sacchi a Roma, fermati due sospetti
Napoli, violenza ai Quartieri Spagnoli: lite tra extracomunitari sfocia nel sangue
Quattromila euro per guardiania all’azienda, arrestati 3 estorsori
Tanta paura ma nessun ferito né danno per il terremoto in Calabria
Da mezzanotte e per dieci giorni pedaggio gratis sulla Tangenziale di Napoli                           – Camorra, inchiesta sui clan dell’area est: le ‘confessioni’ intercettate di Montescuro, lite tra Mazzarella e D’Amico sulla quota
–Ergastolo ostativo, il ‘Carcere Possibile’: «Grazie alla Consulta chi rinasce in carcere, tornerà ad esistere nel mondo»

venerdì, 25 Ottobre 2019 - 14:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA