Articolo del Financial Times: «Conte collegato a fondo di investimento sotto inchiesta dal Vaticano»

Il premier Giuseppe Conte

Nel giorno in cui il Governo giallorosso riceve lo scossone dall’esito delle elezioni in Umbria, il premier Giuseppe Conte deve anche rispondere ad un articolo del  Financial Times. La prestigiosa testata economica del Regno Unito in un articolo sulla sua edizione on line racconta che un fondo di investimento sostenuto dal Vaticano al centro di una indagine per corruzione finanziaria «era alla base di un gruppo di investitori che assunse Giuseppe Conte per lavorare ad un accordo» poco prima che diventasse presidente del Consiglio.

Stando alla ricostruzione giornalistica, «nel maggio 2018 Conte e’ stato ingaggiato per una consulenza legale dal gruppo Fiber 4.0. il cui principale investitore è l’Athena Global Opportunities Fund, fondo sostenuto interamente per 200 milioni di dollari dal Segretariato di Stato vaticano e gestito da Raffaele Minzione». Il fondo in quel periodo, «era impegnato in una battaglia per il controllo della compagnia di telecomunicazioni italiana Retelit, ricorda il Ft. Il fondo, tuttavia, non ne ottenne il controllo perché gli azionisti a Mincione, preferirono due investitori stranieri: la tedesca Shareholder Value Management e la compagnia di telecomunicazioni libica. E Conte, nel suo parere legale del 14 maggio, ottenuto dal Ft, scrisse che il «voto» degli azionisti «poteva essere annullato se Retelit fosse stata collocata sotto le regole del golden power, che permettono al governo italiano di stoppare il controllo straniero di compagnie considerati strategiche a livello nazionale», spiega il quotidiano britannico.

Immediate le precisazioni da Palazzo Chigi. Il presidente Conte, si legge nella replica «ha reso solo un parere legale e non era a conoscenza e non era tenuto a conoscere il fatto che alcuni investitori facessero riferimento ad un fondo di investimento sostenuto dal Vaticano e oggi al centro di un’indagine».

«Nei primi giorni del maggio 2018 l’allora avvocato Conte ha ricevuto dalla società Fiber 4.0 l’incarico di scrivere un parere pro veritate circa il possibile esercizio, da parte del governo, dei poteri di golden Power nei confronti della società Retelit. In quel momento, ovviamente, nessuno poteva immaginare che, poche settimane dopo, un governo presieduto dallo stesso Conte sarebbe stato chiamato a pronunciarsi proprio sulla specifica questione oggetto del parere. Per evitare ogni possibile conflitto di interesse, il presidente Conte si è astenuto anche formalmente da ogni decisione circa l’esercizio della golden Power. In particolare non ha preso parte al Consiglio dei Ministri del 7 giugno 2018 (nel corso del quale è stato deliberato l’esercizio dei poteri di golden Power), astenendosi formalmente e sostanzialmente da qualunque valutazione. Si fa presente che in quell’occasione il presidente Conte era impegnato in Canada per il G7. Pertanto non esiste nessun conflitto di interesse, rischio questo che peraltro era già stato paventato all’epoca da alcuni quotidiani. La circostanza era stata già chiarita, anche con riferimento ai rapporti col sig. Mincione, che Conte non ha mai incontrato né conosciuto».

Leggi anche:
Attacco informatico ai dati di 3 milioni di clienti UniCredit
Investiti e sbalzati dal viadotto, Procura di Avellino apre inchiesta
Elezioni Umbria, i dati definitivi
Caos Tangenziale Napoli, la società manda in cassa integrazione la metà dei dipendenti
Operazione della polizia e della guardia di finanza contro usura e riciclaggio
Batosta in Umbria, il M5s scioglie il patto elettorale col Pd alle Regionali
– 
Processo sullo stupro nel ristorante, giovane romana accusa Mario Pepe: «Mi svegliai in ospedale senza sapere come»
– La congiura di Palazzo San Giacomo svelata da Repubblica sveglia le opposizioni: mozione di sfiducia al sindaco
– Boscoreale, arrestato per spaccio: percepiva il reddito di cittadinanza

lunedì, 28 ottobre 2019 - 09:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA