Corruzione, noto commercialista napoletano dagli arresti domiciliari al carcere

Guardia di Finanza

I finanzieri del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Napoli hanno notificato al noto commercialista Alessandro Gelormini, già agli arresti domiciliari nell’ambito di una indagine per corruzione, un provvedimento di arresto in carcere emesso dal Gip di Napoli su richiesta della Procura della Repubblica partenopea.

Il professionista si trovava ai domiciliari, nella sua abitazione a Portici, dallo scorso 23 settembre e secondo quanto emerso dalle indagini dei finanzieri e della Capitaneria di Porto di Napoli, sarebbe entrato in contatto, mentre era agli arresti, con alcune persone al fine di concordare una versione dei fatti difforme dalla realtà nell’ambito della vicenda in cui è coinvolto. I finanzieri stanno eseguendo contestualmente anche delle perquisizioni.

Leggi anche:
Maestra sospesa dopo avere segnalato presunti abusi su alunna
–Camion abbatte sbarra del passaggio a livello, disagi sulla Napoli-Sarno della Circum
Omicidio Luca Sacchi, la fidanzata smentita da immagini videosorveglianza
–Financial Times: «Conte collegato a fondo di investimento sotto inchiesta Vaticano»
–Attacco informatico ai dati di 3 milioni di clienti UniCredit
–Investiti e sbalzati dal viadotto, Procura di Avellino apre inchiesta
–Elezioni Umbria, i dati definitivi
– Caos Tangenziale Napoli, la società manda in cassa integrazione la metà dei dipendenti
– Operazione della polizia e della guardia di finanza contro usura e riciclaggio
– Batosta in Umbria, il M5s scioglie il patto elettorale col Pd alle Regionali
– Processo sullo stupro nel ristorante, giovane romana accusa Mario Pepe: «Mi svegliai in ospedale senza sapere come»
– La congiura di Palazzo San Giacomo svelata da Repubblica sveglia le opposizioni: mozione di sfiducia al sindaco

lunedì, 28 ottobre 2019 - 10:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA