Tangenziale Spa, incubo cantiere lumaca | Raffaele Cantone (Anac) attacca: «Concessionari più privati dei privati»

Raffaele Cantone
Il magistrato Raffaele Cantone

Tempi lunghi, anzi lunghissimi per i lavori sul viadotto Capodichino della Tangenziale di Napoli. Allo stato, vista la mole e le caratteristiche delle operazioni da svolgere, piuttosto delicate, le previsioni non sono delle più rosee. Il primo bando, per la sola manifestazione di interesse, è previsto per fine novembre, dopodiché i lavori potrebbero durare anche tre mesi e persino protrarsi fino a marzo. Un vero e proprio incubo per gli automobilisti.

Da venerdì scorso il pedaggio è gratuito e lo sarà almeno fino al 5 novembre per non creare ulteriori disagi agli utenti, mentre 184 dipendenti della concessionaria saranno sì in cassa integrazione ma non per 13 settimane, come si era previsto all’inizio, ma- a seguito di un accordo con le organizzazioni sindacali, per dieci giorni, ovvero per il 5 novembre.

E proprio su Tangenziale spa è intervenuto anche il presidente dell’Anac (Autorità nazionale anti-corruzione) Raffaele Cantone nel corso di una intervista a Radio Crc: «C’è una situazione nel Paese alquanto drammatica- ha dichiarato- quando si danno dei tempi per dei lavori sono sempre tempi indicativi. Come cittadini, paghiamo noi le conseguenze dei disagi. Vedo che qui bisognerebbe sempre utilizzare il consenso, ma dal momento in cui abbiamo scelto di consegnare alcune attività ai privati, è evidente che qualcuno si muova con logiche privatiste, quindi è fondamentale cui siano degli organi destinati al controllo. Esattamente come la questione Tangenziale».

«I concessionari nel nostro Paese – ha aggiunto il presidente dell’Anticorruzione – si comportano da proprietari più dei proprietari stessi, e non c’è nessuno che li controlla. Tutto ciò che accade è il frutto di una crisi della politica. Esistono degli strumenti per verificare se ci siano, all’interno dei cantieri, delle estorsioni, non diamo sempre la colpa alle istituzioni. In questo Paese nessuno crede davvero ai tempi che vengono dati, infatti quando vengono rispettati fanno notizia. La società civile si lamenta delle istituzioni carenti, ma loro dove sono? Non mi risulta che mai qualcuno si sia costituito parte civile. Il tema degli appalti viene sempre affrontato con logiche emergenziali. Quella dei cantieri è una delle leggi peggior fatte all’interno dello Stato. Si giocano le vicende delle risorse pubbliche e, al di là dei disservizi, – conclude Cantone – quanto ha pagato una città come Napoli, sul piano dell’immagine, nei mesi in cui Via Marina era in quelle condizioni?».

Leggi anche:
Rifiuti, la rivolta dei napoletani da Barra ai Quartieri Spagnoli
Patente nautica acquistata a Pozzuoli, la Iena Pelazza a processo
– Doppia mazzata per l’ex giudice Saguto: confermata la sanzione della radiazione, nuovo procedimento dinanzi al Csm
 Procura di Arezzo, volano stracci nel Csm Unicost contro Bonafede e le altre correnti: «La rimozione di Rossi è abnorme»
– Adesso i 5Stelle cadono a pezzi, il sindaco di Imola si dimette e accusa: «Il gruppo guidato da gente senza arte né parte»
– La banca non controlla e lui, ignaro, incassa un assegno falso: l’istituto di credito non può riprendersi i soldi
– Strage delle studentesse in Catalogna, disposto il processo dopo 3 anni di battaglia: tra le vittime 7 italiane
– Sequestrato laboratorio di borse false, blitz a Napoli nella zona del Lavinaio
– Incidente sul lavoro, trattore si ribalta e travolge una bracciante agricola: 56enne senza scampo nel Beneventano
– Incendiate le automobili di un consigliere comunale di San Giorgio a Cremano
– Migranti, nuovi arrivi sulle coste della Sardegna: sbarcati 20 algerini
– Droga e micro cellulari ai detenuti con l’aiuto di un’infermiera, 3 persone arrestate
– Omicidio del 24enne Luca Sacchi a Roma, negativi anche i nuovi esami tossicologici. Lo zainetto ritrovato vicino al Gra
– Napoli, irruzione di finti finanzieri in casa di un noto imprenditore: le vittime reagiscono e fanno arrestare due banditi

martedì, 29 ottobre 2019 - 17:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA