Caschi e cinghie per pestare un 19enne, fermata una baby gang nel Napoletano


Avrebbero usato anche cinghie e caschi per malmenare un 19enne. I carabinieri della Compagnia di Castello di Cisterna hanno eseguito 9 misure cautelari, emesse dal gip per i minorenni di Napoli e da quello del tribunale di Nola nei confronti di 7 ragazzi di età inferiore ai 18 anni e di 2 maggiorenni, ritenuti responsabili di un pestaggio ai danni di un 19enne di Brusciano.

Secondo gli inquirenti il ‘branco’ di 9 ragazzi aveva accerchiato e colpito la vittima, provocandole gravi lesioni. Ad alcuni dei minorenni è contestato anche il coinvolgimento in una rissa scoppiata nell’agosto scorso durante la festa dei Gigli a Brusciano. Ancora in corso perquisizioni.

Leggi anche:
– Avvocato ucciso a coltellate nel suo studio ad Anzio, fermata l’ex compagna
Firme false, attivisti del M5S di Palermo a processo
Summit sulla Tangenziale, la società assicura sulla fine dei lavori
– 
Proiettili scoperti dalla Polizia nei pressi del bosco di Capodimonte
-Pigrizia e cibi poco salutari, i bambini campani sono i più grassi d’Italia
Tangenziale spa, incubo cantiere lumaca
– 
Rifiuti, la rivolta dei napoletani da Barra ai Quartieri Spagnoli
– Patente nautica acquistata a Pozzuoli, la Iena Pelazza a processo
– Doppia mazzata per l’ex giudice Saguto: confermata la sanzione della radiazione, nuovo procedimento dinanzi al Csm
 Procura di Arezzo, volano stracci nel Csm Unicost contro Bonafede e le altre correnti«La rimozione di Rossi è abnorme»
– Adesso i 5Stelle cadono a pezzi, il sindaco di Imola si dimette e accusa: «Il gruppo guidato da gente senza arte né parte»

mercoledì, 30 ottobre 2019 - 08:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA