Derubano una tabaccheria a Campobasso: inseguiti e bloccati mentre provano a rientrare a Napoli

Carabinieri
I militari dell'Arma (foto Kontrolab)

Svaligiano una tabaccheria a Guglionesi (in provincia di Campobasso) e vengono intercettati e arrestati dai carabinieri di Venafro (Isernia) a Caianello (Caserta). La fuga di dei malviventi, entrambi del napoletano, ha interessato tre province e sull’auto avevano l’intera refurtiva del valore di 30.000 euro. Tutto è avvenuto durante la notte scorsa, il titolare della tabaccheria non si era ancora accorto di aver subito il furto quando questa mattina i militari dell’Arma di Venafro gli hanno riconsegnato il maltolto.

I ladri, con precedenti specifici, erano riusciti a entrare e a portare via dalla tabaccheria praticamente tutte le cose di maggior valore: sigarette, gratta e vinci, carte prepagate per servizi e abbonamenti televisivi. Con la refurtiva, caricata su una Fiat Multipla, si erano dati alla fuga e tentavano di rientrare a Napoli, quando i carabinieri di stanza sulla Statale 85, tra Venafro e Sesto Campano (Isernia), gli hanno intimato l’alt per un controllo di routine. I due hanno, invece, proseguito la corsa verso la Campania fino al casello autostradale di Caianello, lì l’auto è uscita di strada e i malviventi hanno tentato la fuga a piedi, ma sono stati subito bloccati e trasferiti in caserma, a Venafro, per gli accertamenti di rito. Ora sono ai domiciliari, a Napoli nelle loro abitazioni, per furto, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale. I due erano sottoposti anche alla misura dell’obbligo di dimora e di firma.

Leggi anche:
– Conad-Auchan al tavolo del Mise, la sottosegretaria Todde: «Presentato il piano, necessario un approfondimento»
– Chiesto il processo sul ‘sistema Romeo’: 55 imputati tra politici e forze dell’ordine Contestata la fuga di notizie sulle indagini
– Uccisa dall’ex amante del marito, chiusa l’inchiesta: per la procura fu omicidio premeditato, si va in Tribunale
– Bimbo ucciso di botte a Cardito, un agente ai giudici: «La sorellina sfigurata dalle botte ricevute. Scena raccapricciante»
– L’allarme del ministro Lamorgese: «Aumentano gli atti intimidatori nei confronti degli amministratori locali»
– Manager russo arrestato a Napoli, la Cassazione rigetta il ricorso: resta in carcere
– Rapina nella villa di Claudio Marchisio, l’ex calciatore costretto ad aprire la cassaforte
– Caschi e cinghie per pestare un 19enne, fermata una baby gang nel Napoletano
– Avvocato ucciso a coltellate nel suo studio ad Anzio, fermata l’ex compagna
– Firme false, attivisti del M5S di Palermo a processo
– Summit sulla Tangenziale, la società assicura sulla fine dei lavori
– Proiettili scoperti dalla Polizia nei pressi del bosco di Capodimonte
– Pigrizia e cibi poco salutari, i bambini campani sono i più grassi d’Italia
– Tangenziale spa, incubo cantiere lumaca
Rifiuti, la rivolta dei napoletani da Barra ai Quartieri Spagnoli

mercoledì, 30 Ottobre 2019 - 19:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA