Soldi in cambio di servizi tv, la Rai sospende l’inviato del Tg2 Franco Fatone e il pm chiede il rinvio a giudizio

Tribunale aula

Nel giorno in cui la procura della Repubblica di Milano chiede il rinvio a giudizio per il giornalista del Tg2 Franco Fatone, la Rai prende posizione e sospende in via cautelativa il giornalista, inviato di moda e costume. Fatone è accusato di induzione indebita a dare o promettere utilità. Tradotto: il giornalista è accusato di avere chiesto soldi ad alcuni imprenditori per parlarne bene nei suoi servizi. Le imputazioni sono quattro.

Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, l’inchiesta a carico di Fatone nasce nel 2018: l’imprenditore Francesco Rizzica si presentò in procura con cinque telefonate registrate, raccontando che il giornalista gli aveva chiesto intorno ai 4mila euro per inserirlo nel dossier tv ‘Saranno famosi’ trasmesso il 3 dicembre 2017 sui giovani imprenditori nella moda. Questo è il primo episodio di cui Fatone è chiamato a difendersi.

Al giornalista si contesta inoltre una richiesta economica di 6400 euro avanzata a Michele Baldassarre Lettieri per un pezzo andato in onda il giorno stesso, mille euro a Guido Della Volpe per un servizio in onda nel Tg2 delle 20.30 l’8 aprile 2017, e 3/4 mila euro promessi (ma poi non onorati) da Vincenzo Taverniti per una promozione del Pisa Football College il 21 aprile 2106. Dal canto suo Fatone si è difeso dicendo che si trattava di richieste di prestiti poi in parte restituiti.

Leggi anche:
– 
Torre Annunziata, bomba a mano inesplosa ‘abbandonata’ in piazza: panico e caos, strade chiuse | Foto
Manichino di un operaio crocifisso, ecco il simbolo della protesta di piazza degli operai della Whirlpool di Napoli | Video
Twitter vieta gli spot politici sulla sua piattaforma: «La pubblicità su internet può essere usata per influenzare voti»
– Conad-Auchan al tavolo del Mise, la sottosegretaria Todde: «Presentato il piano, necessario un approfondimento»
– Chiesto il processo sul ‘sistema Romeo’: 55 imputati tra politici e forze dell’ordine Contestata la fuga di notizie sulle indagini
– Uccisa dall’ex amante del marito, chiusa l’inchiesta: per la procura fu omicidio premeditato, si va in Tribunale
– Bimbo ucciso di botte a Cardito, un agente ai giudici: «La sorellina sfigurata dalle botte ricevute. Scena raccapricciante»
– L’allarme del ministro Lamorgese: «Aumentano gli atti intimidatori nei confronti degli amministratori locali»
– Manager russo arrestato a Napoli, la Cassazione rigetta il ricorso: resta in carcere
– Rapina nella villa di Claudio Marchisio, l’ex calciatore costretto ad aprire la cassaforte

giovedì, 31 ottobre 2019 - 14:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA