Prato, due imprenditori cinesi condannati per «caporalato»: è la prima volta in Italia

Tribunale

Arriva da Prato la prima sentenza di merito in cui si applica la norma contro il caporalato a degli imprenditori.

Il giudice del Tribunale toscano Francesco Pallini ha condannato per «sfruttamento lavorativo» due imprenditori cinesi, Miao Kedan e la compagna Zhu Honglan, in odine al reato 603 bis del Codice penale. Sinora la norma contro il caporalato riformata nel novembre 2016 non era mai stata applicata a degli imprenditori in una sentenza di merito in Italia.

A far rilevare il primato è la stessa procura di Prato, titolare dell’indagine. E’ la prima volta infatti, viene spiegato, di una condanna per sfruttamento dei lavoratori che colpisce i titolari dell’impresa e non i ‘caporali’, cioè i responsabili di intermediazione illecita. Questa applicazione ha rilevanza giuridica perché sposta in capo ai titolari dell’impresa le responsabilità finora individuate in chi procurava manodopera sottocosto alle aziende.

Leggi anche:
Rapporto Svimez, requiem per il Sud Italia tra recessione e fuga dei giovani: «Reddito di cittadinanza è un fallimento»
-Maltempo, nessuna tregua: da domani temporali e vento sul Centro Sud
ArcelorMittal lascia l’Ilva di Taranto: «Scudo penale e giudici sono le cause dell’addio»
– Acerra, voto di scambio alle Comunali: ex consigliere condannato a dieci mesi, l’Appello conferma lo scandalo del 2012
– Manuel: «Lesione midollare non completa» Bortuzzo potrebbe tornare a camminare
– Disabile picchiata per mesi dal figlio, arrestato un 39enne a Taranto
– Roma, il ras delle cooperative Buzzi chiede la scarcerazione dopo la sentenza in Cassazione su ‘Mafia Capitale’
– Spaccio di stupefacenti, sgominate due organizzazioni nel Salernitano: 19 arresti
– Viareggio, due carabinieri e un agente della municipale investiti da un’auto: ricoverati in gravi condizioni
– Lavoro, rapporto Svimez a tinte fosche: «La popolazione non cresce, Sud indietro» Conte: «La crisi è emergenza nazionale»
– Pedone travolto e ucciso da un’auto pirata, il conducente ricercato per omicidio stradale
– Mafia, Bernardini su Nicosia: «Sembrava un esaltato, un cretino». E la deputata Occhionero prende le distanze
– Scoperti oltre 70 falsi invalidi, 4 arresti: ai domiciliari un ex sindaco del Casertano

 

lunedì, 4 novembre 2019 - 18:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA