Caso Ilva, mentre Conte studia le carte la maggioranza di governo si divide

giuseppe conte
Il premier Giuseppe Conte (foto Kontrolab)

 Bomba ad orologeria sul governo Conte. Ad innescarla è stato l’addio annunciato da AncelorMittal, il colosso franco-indiano che ha preso il controllo dell’ex Ilva di Taranto salvo poi ieri comunicare la ritirata in trenta giorni. A rischio sono diecimila posti di lavoro.

Il premier Giuseppe Conte sta «studiando le carte» per disinnescare il caso che potrebbe mettere in ginocchio l’Italia e per giovedì è attesa l’informativa del ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli in Senato.

«Saremo inflessibili- assicura Conte da Milano, rimproverando il colosso franco-indiano- Non si può cambiare una strategia industriale adducendo a giustificazione lo scudo o non scudo penale, che peraltro non è previsto contrattualmente».

La maggioranza intanto è in fermento. Il M5S non vuole arretrare di un passo: «Salta il gruppo se si tocca lo scudo- ragiona una fonte di primo livello- mentre Italia Viva annuncia un emendamento al dl fisco per reintrodurlo e il Pd lascia intendere di condividere la linea.

Domani stesso, dopo il vertice con AncelorMittal, Conte farà il punto con gli alleati: non è ancora chiaro se si terrà un vertice ad hoc o se il Consiglio dei ministri, in programma per le 17, sarà il momento per affrontare l’annosa questione.

Che -di questo il premier è perfettamente consapevole- crea parecchie divisioni, tra e all’interno delle forze di maggioranza. Le acque più agitate si registrano nel M5S, dove i ‘governisti’ hanno da sempre avuto una linea più morbida sullo scudo, mentre tra i parlamentari si registrano le posizioni più ‘barricadere’, quelle che hanno portato a cancellare l’immunità penale dal dl imprese. Dagli stessi eletti, infatti, è arrivata prima la richiesta di un incontro con il ministro Patuanelli, per chiedere di ‘sbianchettare’ lo scudo, poi la riunione fiume al Senato con il ministro dei Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà che ha portato alla retromarcia e allo stop all’immunità. Votata, ricordano dal M5S, anche da Iv, Pd e Leu.

 Di reintrodurla ora, anche con una forma più morbida, «non se ne parla proprio», è la convinzione che circola nel M5S, che rimprovera al governo di cui fa parte la linea ondivaga sulla questione, «spia di una mancanza di indirizzo politico», lamentano in molti.

Cambiare di nuovo strategia, cedendo alle richieste di AncelorMittal, rischierebbe di far implodere il gruppo parlamentare, mentre si registrano malumori su D’Incà per la gestione della vicenda: «Non doveva cedere alle pressione di Lezzi e gli altri- lamentano alcuni colleghi della squadra di governo. Reintrodurre lo scudo, inoltre, non è cosa facile: «Il dl fiscale a cui si appella Renzi – spiega una fonte di governo – è impraticabile per evidente inammissibilità: cosa c’entra lo scudo penale con la materia fiscale? Oltretutto, il parere su questo spetterebbe alla commissione Finanze presieduta da Carla Ruocco: non credo che Ruocco lascerà passare».Ci vorrebbe un decreto ad hoc, misura ancor più irricevibile per i 5 Stelle.

 L’ex Ilva sembra invece mettere d’accordo Iv e Pd: entrambi intendono innestare la retromarcia sull’immunità, seppur i dem spingano per uno scudo ‘soft’, con l’obiettivo dichiarato di ‘stanare’ il colosso dell’acciaio. «Chi inquina paga – ragiona Nicola Zingaretti – ma chi deve attuare un piano ambientale non può rispondere penalmente su responsabilità pregresse e non sue. Proporremo iniziative parlamentari in questo senso».

Renzi va giù dritto e accelera: «Credo che si possa agevolmente recuperare la questione dello scudo penale anche con un emendamento al Decreto fiscale che sta per arrivare in Parlamento (lo ha già preparato la collega Lella Paita e lo firmeranno molti di noi)- annuncia nella sua enws l’ex premier. Per poi mettere in chiaro successivamente di essere dalla parte di Conte e di voler «togliere alibi» a Mittal. Perché la convinzione diffusa, una delle poche che in queste ore mette davvero d’accordo tutti, è che il gigante franco-indiano stia bluffando, cercando il pretesto giusto per tirarsi fuori da un mercato in affanno.

Leggi anche:
Paura nel Salernitano per una scossa di terremoto: epicentro nel Golfo, nessun danno a cose e persone
Case da abbattere a Terzigno, la protesta delle madri in Regione: «Siamo vittime di una truffa, non ci arrendiamo»
Nomina del nuovo Pg della Cassazione, audizioni per 9 candidati alla successione di Riccardo Fuzio
Mazzette per superare l’esame da legale a Napoli, Tafuri (Ordine avvocati): «Imbroglietto che fa tristezza»
Emergenza maltempo in Campania: scuole e cimiteri chiusi anche domani a Napoli
Faida di Scampia, 20 anni al boss Amato: in secondo grado cancellato l’ergastolo per il duplice omicidio Montanino-Salierno 
– Cascina esplosa ad Alessandria, ascoltato il proprietario; il ricordo dei tre vigili del fuoco rimasti uccisi
– Droga, il boss Marco Di Lauro in aula: processo con rito abbreviato per l’ex primula rossa di Secondigliano
– Omicidio Nocerino, il ras Manganiello confessa e si dissocia dai Marino e dagli Amato-Pagano: il pm chiede l’ergastolo
– Un ‘cartello’ per importare la droga dal Pakistan: eseguite 19 misure cautelari
– Matteo Salvini atteso a Napoli, scritte contro la Lega sulla facciata del cinema
– Allarme maltempo con rischio di colate di fango a Sarno: 200 persone evacuate
– Esplode una cascina, 3 morti: ritrovato il corpo del vigile disperso. Scoperti degli inneschi, cresce l’ipotesi del dolo
– ‘Ndrangheta, traffico internazionale di stupefacenti: oltre 70 arresti in tutta Italia
– Esplode una cascina: 2 vigili del fuoco morti e 3 feriti in provincia di Alessandria Si cerca un pompiere disperso | Video
Caso Ilva, levata di scudi del Governo contro la decisione di ArcelorMittal : «Impediremo la chiusura della fabbrica»
Manovra, Mascherin (Consiglio Nazionale Forense): «Scarsa attenzione alle Partite Iva, sì alle detrazioni per spese legali»
– Prato, due imprenditori cinesi condannati per «caporalato»: è la prima volta in Italia

martedì, 5 novembre 2019 - 18:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA