Droga, il boss Marco Di Lauro in aula: processo con rito abbreviato per l’ex primula rossa di Secondigliano

Il boss Marco Di Lauro catturato dopo 14 anni di latitanza (foto Kontrolab)

L’ex primula rossa di Secondigliano Marco Di Lauro torna nuovamente sul banco degli imputati. E ci torna per difendersi dalle due accuse di traffico di sostanze stupefacenti, con l’aggravante della matrice camorristica, cristallizzata nelle diverse ordinanze di custodia cautelare in carcere che la Squadra Mobile gli notificò nel giorno in cui Marco Di Lauro è stato catturato dopo quasi 14 anni di latitanza. Ieri Marco Di Lauro è comparso in aula, collegato in video-conferenza dal carcere di Sassari dove è detenuto in regime di carcere duro, per la prima udienza dinanzi al giudice per le indagini preliminari Giuseppe Sepe della 26esima sezione penale del Tribunale di Napoli.

L’udienza è durata pochi minuti, giusto il tempo di formalizzare la richiesta di giudizio con rito abbreviato avanzata dall’avvocato Gennaro Pecoraro. Si torna in aula il mese prossimo per la requisitoria del pubblico ministero e la discussione della difesa, prologo della sentenza. Tra pochi giorni, invece, dovrebbe concludersi il processo di secondo grado che vede Marco Di Lauro imputato, in qualità di mandante, per l’omicidio di Attilio Romanò, vittima innocente della prima guerra di camorra scoppiata a Scampia e Secondigliano tra i Di Lauro e l’aula scissionista guidata dagli Amato-Pagano.

Marco Di Lauro è stato arrestato lo scorso 3 marzo: si nascondeva in un’abitazione a Chiaiano. Di Lauro era latitante dal 2005. Era destinatario di un ordine di carcerazione per associazione di stampo mafioso, reato per il quale deve scontare poco più di dieci anni di reclusione.

Leggi anche:
– 
Omicidio Nocerino, il ras Manganiello confessa e si dissocia dai Marino e dagli Amato-Pagano: il pm chiede l’ergastolo
– Un ‘cartello’ per importare la droga dal Pakistan: eseguite 19 misure cautelari
– Matteo Salvini atteso a Napoli, scritte contro la Lega sulla facciata del cinema
– Allarme maltempo con rischio di colate di fango a Sarno: 200 persone evacuate
– Esplode una cascina, 3 morti: ritrovato il corpo del vigile disperso. Scoperti degli inneschi, cresce l’ipotesi del dolo
– ‘Ndrangheta, traffico internazionale di stupefacenti: oltre 70 arresti in tutta Italia
– Esplode una cascina: 2 vigili del fuoco morti e 3 feriti in provincia di Alessandria Si cerca un pompiere disperso | Video
Caso Ilva, levata di scudi del Governo contro la decisione di ArcelorMittal : «Impediremo la chiusura della fabbrica»
Manovra, Mascherin (Consiglio Nazionale Forense): «Scarsa attenzione alle Partite Iva, sì alle detrazioni per spese legali»
Prato, due imprenditori cinesi condannati per «caporalato»: è la prima volta in Italia

martedì, 5 novembre 2019 - 14:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA