A Venezia l’allarme risuona 4 volte: è emergenza acqua alta, chiusa Piazza San Marco e sospesi i vaporetti

Foto Ansa

Emergenza acqua alta a Venezia. Secondo le stime del centro maree del Comune la previsione peggiora: la stima di acqua alta è stata rivista al rialzo dai 150 centimetri precedenti a 160 cm sul medio mare, alle 11.20. Attualmente il livello di marea è di 115 centimetri, con piazza San Marco già abbondantemente allagata, l’allarme massimo è risuonato quattro volte ed il sindaco Luigi Brugnaro ha avvertito i cittadini su Twitter: «Chiudiamo la piazza per non mettere a rischio l’incolumità delle persone». Quindi gli addetti hanno tolto le passerelle sospese che in queste ore erano l’unico collegamento e passaggio tra i lati di piazza. A complicare la situazione, il vento forte.

A causa della marea inoltre anche i vaporetti sono costretti a variazioni di percorso. Il servizio di trasporto pubblico di linea di Venezia è stato sospeso, come ha informato il Comune. Vengono effettuati solamente i collegamenti con le isole dagli impianti rimasti accessibili. Le autorità invitano a seguire gli aggiornamenti tramite i canali Telegram Centro maree informa, Centro maree avvisa e il sito del comune di Venezia.

Intanto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte annuncia al Corriere della sera di aver convocato per «il Il 26 novembre un ‘Comitatone’ interministeriale per la salvaguardia di Venezia, nel corso del quale verrà discussa anche la governance per i problemi strutturali della città, come quello delle grandi navi e del Mose» e anticipa anche «il sindaco sarà nominato commissario in relazione allo stato di emergenza che ieri abbiamo deliberato in Cdm».

Leggi anche:
Una tonnellata di shopper non a norma e pericolose per l’ambiente sequestrata dai carabinieri forestali in Campania
– 
Giudice minacciata in udienza a Nola, il presidente dell’Ordine Visone: «Rafforzare la sicurezza nelle aule di tribunale»
Battesimo di fuoco per De Majo, nel tritacarne per i post su Israele. Lei si difende: «Squadrismo contro di me»
L’ex eurodeputata di Forza Italia Lara Comi agli arresti domiciliari per presunte tangenti Inchiesta sulle Universiadi, avviso di garanzia recapitato al vicepresidente della Giunta regionale Bonavitacola
Troupe del programma ‘Non è l’arena’ aggredita mentre tentava di intervistare il cantante neomelodico Tony Colombo
– Dopo la voragine prima notte in brandina per gli sfollati dei Ponti Rossi, lavori anche di notte per risolvere l’emergenza
Imprenditore malato terminale ha debiti che vorrebbe saldare ma la Prefettura da 15 anni non gli paga i crediti
– Apocalisse a Venezia: acqua dai water e dalle prese di corrente, hotel come il Titanic. Le banche tendono una mano
– Procura di Salerno, la nomina di Borrelli diventa un caso: il plenum del Csm azzera ogni decisione e rimanda gli atti indietro

venerdì, 15 novembre 2019 - 10:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA