Pretende che il giudice tratti la sua causa e scappa col fascicolo dopo avere minacciato la toga: obbligo di dimora

Tribunale Nola

Obbligo di dimora nel comune di residenza per il 62enne Raffaele Vigilante di Somma Vesuviana che l’altro giorno, nel Tribunale di Nola, ha prima minacciato il giudice affinché la sua causa venisse trattata e poi si è impossessato del fascicolo allontanandosi. Lo ha deciso il giudice per le indagini preliminari del Tribunale bruniano dinanzi al quale si è celebrata l’udienza di convalida del fermo. Il giudice ha riconosciuto i reati di violenza e minaccia a pubblico ufficiale, sottrazione di atti o documenti custoditi, oltraggio a un magistrato in udienza.

I fatti si sono verificati martedì scorso, 12 novembre. Louomo era parte in un procedimento civile. Nonostante l’assenza del suo difensore ha iniziato a pretendere che il giudice chiamasse la causa per trattazione. Quindi si è seduto davanti al magistrato, ha poggiato il suo fascicolo processuale sulla scrivania e ha iniziato a prendersela con il giudice. Quando il magistrato ha provato a spiegargli che non era possibile procedere, l’uomo ha preso il fascicolo e si è allontanato. E’ stato bloccato dai carabinieri addetti alla vigilanza del tribunale prima di uscire dal Tribunale.

Leggi anche:
– Corruzione, il giudice Capuano a processo e la Cassazione apre uno spiraglio: misura cautelare annullata, atti al Riesame
– Aggressioni e umiliazioni a moglie e figli, un medico arrestato per maltrattamenti
– Stuprata nel circolo privato di Casapound, condanna lieve per i due imputati: ripresero l’aggressione con il cellulare
– Carambola tra autovetture sulla Brebemi, perde la vita un bambino di 4 anni
– Lettera con proiettile e minacce ad Antonio Conte, aperta un’inchiesta
– Sfruttamento del lavoro e sequestro di persona, imprenditore arrestato a Melito Operai costretti a lavorare segregati
– Spari contro l’automobile di un giornalista Verna: «Subito una scorta per il collega»
– Caserta, scuola sequestrata dalla procura: sigilli all’istituto ‘De Amicis’, edificio pericoloso per interventi seri non fatti
– La ‘stretta’ sul bullismo, allontanamento dalla famiglia per i casi più gravi e un numero verde per le vittime
– Riceve reddito di cittadinanza e pensione ma ha un immobile da 800mila euro
– Incontro al Mise con ArcerlorMittal e sindacati per l’ex Ilva di Taranto ma la Procura di Milano apre un fascicolo

sabato, 16 novembre 2019 - 17:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA