Maltrattamenti alla compagna, resta in carcere l’ex boss del Brenta Felice Maniero

Felice Maniero

Felice Maniero resta in cella. Il tribunale del Riesame di Brescia ha rigettato infatti la richiesta di annullamento dell’ordinanza che a ottobre aveva portato in carcere l’ex boss del Brenta, accusato di maltrattamenti in famiglia sulla compagna e che da maggio aveva ottenuto il trasferimento di una comunità protetta. Per il Riesame, Maniero «è ancora a rischio recidiva».

«Il mio assistito ha reagito con prevedibile sorpresa, non si aspettava nulla di diverso in questa fase». E’ questo il commento dell’avvocato Luca Broli, legale di Felice Maniero, dopo che il tribunale del Riesame di Brescia ha rigettato la richiesta di annullamento dell’ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti dell’ex boss lo scorso 18 ottobre con l’accusa di maltrattamenti sulla compagna. «Pur rispettando la decisione – ha aggiunto il legale -, non la condividiamo e ci riserviamo successive iniziative».

Leggi anche:
– Trasfusione con sangue infetto a una partoriente, il Ministero della Salute condannato a risarcire 700mila euro
– Usa, un’altra strage in California: spari durante un party tra amici in giardino, quattro morti e sei vittime
Il bollo auto è una stangata, Codacons: in un anno gli automobilisti pagano 1932 euro di tasse 
La manovra economica entra nel vivo, Conte lavora con Gualtieri per ridurre i nuovi balzelli su auto aziendali e plastica 
Era sbarcato a Capodichino con 112 ovuli di droga nella pancia: ‘boy packer’ nigeriano arrestato dalla Gdf 
Tentano di rapinarlo, reagisce e gli sparano ad una gamba mentre passeggia nei pressi della fermata metro di Chiaiano 
Treno deraglia in Val Pusteria: nessun ferito, la zona è completamente isolata L’appello su Facebook: «Non prendete l’auto»

lunedì, 18 novembre 2019 - 13:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA