Silvia Romano trasferita in Somalia, sarebbe prigioniera un gruppo islamista

Silvia Romano
Silvia Romano

Sarebbe nelle mani di un gruppo islamista in Somalia la cooperante italiana Silvia Romano sequestrata il 20 novembre scorso nel villaggio di Chakama in Kenya. Secondo quanto ricostruito dalle indagini portate avanti dalla Procura di Roma con i carabinieri del Ros, la ventiquattrenne, che al momento del sequestro lavorava per la onlus ‘Africa Milele’ portata via da un commando armato, è stata poi trasferita in Somalia dove si troverebbe nella mani di uomini vicini al gruppo jihadista Al-Shabaab.

Dopo il vertice della scorsa estate e dall’analisi dei documenti messi a disposizione dalle autorità del Kenya è emerso che si troverebbe in un’area del Paese dove gravitano milizie legate al gruppo terroristico di matrice islamica. Gli inquirenti valutano ora l’ipotesi di inviare una rogatoria internazionale alla Somalia.

Leggi anche:
– Maltrattamenti alla compagna, resta in carcere l’ex boss del Brenta Felice Maniero
– Trasfusione con sangue infetto a una partoriente, il Ministero della Salute condannato a risarcire 700mila euro
– Usa, un’altra strage in California: spari durante un party tra amici in giardino, quattro morti e sei vittime
Il bollo auto è una stangata, Codacons: in un anno gli automobilisti pagano 1932 euro di tasse 
La manovra economica entra nel vivo, Conte lavora con Gualtieri per ridurre i nuovi balzelli su auto aziendali e plastica 
Era sbarcato a Capodichino con 112 ovuli di droga nella pancia: ‘boy packer’ nigeriano arrestato dalla Gdf 
Tentano di rapinarlo, reagisce e gli sparano ad una gamba mentre passeggia nei pressi della fermata metro di Chiaiano 
Treno deraglia in Val Pusteria: nessun ferito, la zona è completamente isolata L’appello su Facebook: «Non prendete l’auto»

 

lunedì, 18 novembre 2019 - 14:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA