Processo breve, proposta di legge di Fi: durata massima di 6 anni, deroghe per i casi complessi e sanzioni per i magistrati

Enrico Costa
Il deputato di Forza Italia Enrico Costa

Nell’attesa che Movimento Cinque Stelle, Pd e Italia Viva trovino un punto di incontro sulla tanto annunciata, ma mai partorita, riforma ‘epocale’ della giustizia che dovrebbe ridurre i tempi dei processi, Forza Italia entra a gamba tesa nel braccio di ferro e mette sul tavolo una proposta di legge sul ‘processo breve’ che punta a «facilitare» il compito di una maggioranza che fatica a trovare un compresso. La proposta di legge porta la firma del deputato e responsabile della Giustizia per gli ‘azzurri’ Enrico Costa, che ha annunciato la trasmissione del testo al presidente del Consiglio Giuseppe Conte al ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.

Leggi anche / Errori giudiziari e processi infiniti, il presidente Casellati: «Numeri pesanti, senza un’azione comune traguardi illusori»

Ma cosa prevede la proposta di Forza Italia? Anzitutto si fissa un limite ai processi: sei anni per arrivare alla chiusura del terzo grado di giudizio, con la possibilità – regolamentata da legge – di sforare questi termini in presenza di cause complesse, come ad esempio un maxi-processo sulla criminalità organizzata o un processo per strage come potrebbe essere quello relativo al crollo del Ponte Morandi.

Il testo, nello specifico, prevede che il primo grado duri al massimo 3 anni; l’Appello durerà 2 anni, mentre la Cassazione un anno soltanto. «Se si sforano i tempi opera la prescrizione processuale, ma si salvaguardano i diritti delle parti civili, che godranno di corsie preferenziali ed accelerate in sede civile», precisa Costa. «Il “processo breve” non opera per i reati più gravi. Per i reati più gravi e nei processi contro i recidivi la prescrizione processuale non si applica – aggiunge Costa – In tali casi il rimedio al protrarsi del processo potrà, quindi, consistere soltanto nell’equo indennizzo».

La deroga alla durata dei processi fissata in sei anni riguarda invece i casi «più complessi e con più imputati»: in tal caso, prevede la proposta di legge, «il giudice potrà prolungare questi termini, con ordinanza motivata». C’è spazio poi anche per sanzioni nei confronti dei magistrati che sforano i tempi: «Procedimento disciplinare per i magistrati che si fanno prescrivere il processo tra le mani e sono responsabili dei ritardi».

L’auspicio di Costa è che la maggioranza inizi a ragionare su questa proposta dal momento che, sottolinea il deputato in maniera polemica, «loro continuano nelle sterili discussioni». «Il Pd, a parole, infatti, propone la prescrizione processuale, ma non ha mai fatto una proposta di legge in merito. Abbiamo pensato di risparmiare loro la fatica e l’abbiamo preparata noi», conclude.

Leggi anche: 
– Neonata trovata morta in una borsa abbandonata, aveva ancora il cordone ombelicale attaccato
– Piove in classe, 25 bambini trasferiti da un’aula all’altra: accade a Milano
– Errori giudiziari e processi infiniti, il presidente Casellati: «Numeri pesanti, senza un’azione comune traguardi illusori»
– Suicida ex pentito e infiltrato del Ros, Bruno Fuduli aveva denunciato di sentirsi abbandonato dallo Stato
– Corruzione al mercato ortofrutticolo di Milano, ai domiciliari il direttore generale della Sogemi e 2 imprenditori
– Napoli, sequestrati 140 chili di ‘botti’ Denunciate 2 persone a Poggioreale
– Ex Ilva, ArcelorMittal: «L’altoforno resta acceso. Sospeso lo spegnimento»
– Open Arms, Salvini accusato di sequestro di persona e omissione di atti d’ufficio. L’ex ministro: «Per me è una medaglia»
– Spaccio di stupefacenti, blitz dell’Arma tra Napoli, Salerno e Messina: 36 arresti. Droga destinata anche ai carcerati | Video
– Silvia Romano «è un ostaggio politico», la cooperante italiana portata in Somalia da un gruppo islamista legato ad Al Qaeda
– Ex Ilva, ArcelorMittal lascia a secco anche autotrasportatori e fornitori: «Fatture non pagate, la gente non ha pià futuro»

martedì, 19 novembre 2019 - 14:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA