Tragedia della Solfatara, udienza preliminare a gennaio: 7 imputati per la strage di una famiglia veneta

Solfatara

L’inchiesta sulla tragedia della Solfatara di Pozzuoli, dove il 12 settembre 2017 morirono asfissiati nel sottosuolo Massimiliano Carrer, la moglie Tiziana Zaramella e il figlio Lorenzo, approda in Tribunale. I pubblici ministeri Anna Frasca e Giuliana Giuliano hanno chiesto il processo per sei persone e una società, coinvolti nella gestione della Solfatara. A tutti la procura partenopea contesta, tra l’altro, i reati di omicidio colposo in concorso, violazioni delle normative attinenti la prevenzione della sicurezza sul lavoro e disastro colposo. L’udienza preliminare è fissata per il 14 gennaio e sarà sovrintesa dal giudice Egle Pilla. I parenti delle vittime (che erano del Veneto) si costituiranno parte civile, a rappresentarli ci sarà un collegio composto dall’avvocato Alberto Berardi, dall’avvocato Vincenzo Cortellessa e dallo Studio 3A-Valore spa.

Leggi anche / Tragedia alla Solfatara, gli esperti: «Un sito pericoloso e privo di autorizzazioni»

Agli atti dell’inchiesta ci sono le pesanti conclusioni degli esperti nominati dall’autorità giudiziaria. I periti spiegarono che «emerge in modo chiaro ed inequivocabile che l’area della cosiddetta spianata della Solfatara (fangaia, stufe, fumarole, belvedere, etc. etc) era visitabile e fruibile, da parte degli avventori, senza che fosse stata rilasciata alcuna autorizzazione che, in qualche modo, avrebbe potuto dare luogo a controlli preliminari, quali Nulla Osta a parte in Enti in genere».

Leggi anche / Tragedia della Solfatara, la perizia: vittime decedute in meno di 6 minuti

La perizia accertò anche che madre, padre e figlio morirono in sei minuti. Il primo a cadere fu Lorenzo. Madre e padre si gettarono per cercare di salvare il bambino. Ad ucciderli fu «incremento della concentrazione di monossido di carbonio e del flusso di anidride carbonica nella Solfatara che ha un valore medio di circa 115 gradi». I tre caddero in una buca che si era creata per le condizioni del terreno che franò sotto i loro piedi. Unico superstite della famiglia veneta in visita nel Napoletano il figlio più piccolo della coppia, 8 anni.

– Neonata trovata morta in una borsa abbandonata, aveva ancora il cordone ombelicale attaccato
– Piove in classe, 25 bambini trasferiti da un’aula all’altra: accade a Milano
– Errori giudiziari e processi infiniti, il presidente Casellati: «Numeri pesanti, senza un’azione comune traguardi illusori»
– Suicida ex pentito e infiltrato del Ros, Bruno Fuduli aveva denunciato di sentirsi abbandonato dallo Stato
– Corruzione al mercato ortofrutticolo di Milano, ai domiciliari il direttore generale della Sogemi e 2 imprenditori
– Napoli, sequestrati 140 chili di ‘botti’ Denunciate 2 persone a Poggioreale
– Ex Ilva, ArcelorMittal: «L’altoforno resta acceso. Sospeso lo spegnimento»
– Open Arms, Salvini accusato di sequestro di persona e omissione di atti d’ufficio. L’ex ministro: «Per me è una medaglia»
– Spaccio di stupefacenti, blitz dell’Arma tra Napoli, Salerno e Messina: 36 arresti. Droga destinata anche ai carcerati | Video
– Silvia Romano «è un ostaggio politico», la cooperante italiana portata in Somalia da un gruppo islamista legato ad Al Qaeda
– Ex Ilva, ArcelorMittal lascia a secco anche autotrasportatori e fornitori: «Fatture non pagate, la gente non ha pià futuro»

martedì, 19 Novembre 2019 - 13:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA