Cantiere Taranto, Turco: «Sostegno per i 1900 dipendenti in cassa integrazione e per gli esuberi di ArcelorMittal»

L'Ilva di Taranto (foto Kontrolab)

Una vera università per arginare la fuga dei giovani, un rafforzamento dei presìdi sanitari potenziando ospedali e organici dei medici e poi interventi per favorire la ricollocazione dei 500 dipendenti che non lavorano più nel porto, dei 1.900 cassintegrati a carico dell’amministrazione straordinaria dell’Ilva e in futuro anche eventuali altri esuberi di Arcelor: sono queste le misure portanti del “Cantiere Taranto” che il premier Giuseppe Conte intende varare a breve con un nuovo decreto. A parlarne è il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Mario Turco, in un’intervista a La Stampa.

«L’idea è che l’intero Paese debba rispondere all’appello anche rinunciando a qualcosa a favore di un territorio che da tanti anni ha sacrificato anche la sua identità, la sua storia e le sue tradizioni a favore della crescita dell’Italia e che oggi chiede un aiuto» rileva Turco.

In merito al Contratto istituzionale di sviluppo (Cis), «sono oltre 10 anni che Taranto ha delle risorse a disposizione, che però tutti i governi che si sono succeduti nel tempo non hanno utilizzato. Negli ultimi 2-3 anni c’è stata un’accelerazione minima e per questo oggi stiamo programmando – spiega Turco – una nuova governance proprio per cercare di realizzare quanti più interventi possibili, a partire dai piani per la riqualificazione del porto e di alcune aree della provincia. Il Cis però è una misura del passato: ora occorre andare oltre.

Sull’ex Ilva «innanzitutto dobbiamo prevedere un sostegno a favore dei 1.900 cassintegrati che sono rimasti con l’amministrazione straordinaria. Pensiamo di creare un fondo per favorire mobilità e reinserimento e sfruttare la disponibilità di alcune importanti imprese pubbliche che potrebbero trasferire o realizzare a Taranto alcune fasi dei loro processi produttivi» evidenzia Turco.

Quanto alla possibilità di nuovi esuberi, «non si può rimanere inerti, credo che si debbano sollecitare anche imprese private e imprese internazionali ad utilizzare Taranto come base del loro business puntando sugli incentivi della zona franca che consente un credito fiscale del 50% con un tetto di 50 milioni». Lo scudo penale, conclude Turco, «al momento non è una questione importante».

Leggi anche:
– 
Omicidio davanti alla scuola a Napoli, 2 nuovi arresti: il movente dell’agguato fu la faida tra clan Mazzarella e Rinaldi 
– Crolla un viadotto in Liguria, una vittima ad Alessandria, scuole chiuse a Reggio: bilancio di una domenica ‘bestiale’
– Maltempo, danni a Napoli e provincia: straripa il Sarno a Castellammare, allerta meteo prorogata fino alle 14 di oggi
– Palermo, uccisa a coltellate dall’amante L’ultimo grido di pietà: «Sono incinta» Arrestato 51enne, ha confessato
– Sorrento, processo sullo stupro nel ristorante: gli imputati non si presentano e dagli esami tossicologici non v’è certezza
– «Niente casa popolare a una famiglia se un suo componente ha commesso reato»: la proposta leghista che sfida la Costituzione
– Calcio, scommesse su partite truccate di Lega Pro: tre ai domiciliari, c’è anche un giocatore del Foggia
– Maltempo, a Genova esondazioni e allagamenti: sfollate 19 persone
– Donna uccisa a coltellate nel Palermitano, fermato un 51enne accusato di omicidio
– Violenza sulle donne, una vittima ogni 15 minuti e aumentano i casi di femminicidio
– Stop alla notifica via posta, le multe e le comunicazioni consegnate via web
– Tentata rapina a un portavalori, raffiche di kalashnikov contro i carabinieri per sfuggire all’arresto
– Caso Alan Kurdi, archiviata l’indagine su Matteo Salvini: era accusato di abuso d’ufficio e rifiuto di atti
– In auto con 40 chili di stupefacenti, 2 arresti a San Giovanni a Teduccio
Rissa e coltellate in un bar del Napoletano, quattro giovani agli arresti domiciliari 
Emendamento alla Manovra, cambiano le scadenze fiscali: quella del 730 spostata dal 23 luglio al 30 settembre 
– «Maria de Marco incompatibile»: l’accusa delle associazioni dopo la discussa nomina del nuovo vertice di Asìa 

lunedì, 25 novembre 2019 - 10:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA