Omicidio davanti alla scuola a Napoli, due nuovi arresti: il movente dell’agguato fu la faida tra clan Mazzarella e Rinaldi

Omicidio San Giovanni
L'omicidio di Luigi Mignano, ucciso nel rione Villa a San Giovanni a Teduccio (foto Kontrolab)

 

Due persone sono state arrestate da polizia e carabinieri per l’omicidio di Luigi Mignano, il 57enne ucciso nei presso della scuola in cui stava accompagnando il nipotino, rimasto ferito, lo scorso 9 aprile.

Le forze dell’ordine hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di Giovanni Salomone, 52 anni, e Giovanni Borrelli di 50 anni. Sono accusati a vario titolo di omicidio, tentato omicidio, detenzione e porto illegale di armi comuni da sparo, incendio, ricettazione, aggravate dalle finalità mafiose.

Il provvedimento cautelare è stato emesso all’esito di una intensa ed articolata attività di indagine, condotta congiuntamente dalla Squadra Mobile di Napoli e dal Nucleo Investigativo di Napoli, che ha permesso di raccogliere gravi indizi di colpevolezza nei confronti degli indagati.

Le indagini, scattate subito dopo la commissione dell’efferato delitto avvenuto davanti a bambini e genitori che li stavano accompagnando a scuola, sotto il continuo coordinamento dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, avevano già permesso a meno di un mese dall’evento di emettere un provvedimento emergenziale di fermo, eseguito il 4 maggio 2019, nei confronti di 7 soggetti, elementi apicali ed affiliati al clan D’Amico, articolazione del gruppo camorristico Mazzarella operante nel quartiere di San Giovanni a Teduccio.

Ulteriori attività investigative hanno fatto emergere responsabilità nei confronti di altri componenti del commando, oggi arrestati, ed hanno permesso di ricostruire in maniera definitiva tutte le fasi dell’azione delittuosa, che va ricondotta nell’ambito della contrapposizione armata tra i clan Mazzarella e Rinaldi, per il controllo delle attività illecite nell’area orientale del capoluogo campano.

Leggi anche:
– 
Crolla un viadotto in Liguria, una vittima ad Alessandria, scuole chiuse a Reggio: bilancio di una domenica ‘bestiale’
– Maltempo, danni a Napoli e provincia: straripa il Sarno a Castellammare, allerta meteo prorogata fino alle 14 di oggi
– Palermo, uccisa a coltellate dall’amante L’ultimo grido di pietà: «Sono incinta» Arrestato 51enne, ha confessato
– Sorrento, processo sullo stupro nel ristorante: gli imputati non si presentano e dagli esami tossicologici non v’è certezza
– «Niente casa popolare a una famiglia se un suo componente ha commesso reato»: la proposta leghista che sfida la Costituzione
– Calcio, scommesse su partite truccate di Lega Pro: tre ai domiciliari, c’è anche un giocatore del Foggia
– Maltempo, a Genova esondazioni e allagamenti: sfollate 19 persone
– Donna uccisa a coltellate nel Palermitano, fermato un 51enne accusato di omicidio
– Violenza sulle donne, una vittima ogni 15 minuti e aumentano i casi di femminicidio
– Stop alla notifica via posta, le multe e le comunicazioni consegnate via web
– Tentata rapina a un portavalori, raffiche di kalashnikov contro i carabinieri per sfuggire all’arresto
– Caso Alan Kurdi, archiviata l’indagine su Matteo Salvini: era accusato di abuso d’ufficio e rifiuto di atti
– In auto con 40 chili di stupefacenti, 2 arresti a San Giovanni a Teduccio
Rissa e coltellate in un bar del Napoletano, quattro giovani agli arresti domiciliari 
Emendamento alla Manovra, cambiano le scadenze fiscali: quella del 730 spostata dal 23 luglio al 30 settembre 
– «Maria de Marco incompatibile»: l’accusa delle associazioni dopo la discussa nomina del nuovo vertice di Asìa 


lunedì, 25 novembre 2019 - 08:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA