Miano, gestore di un bar freddato in auto mentre andava a casa della madre

Bossolo

Agguato ieri sera in via Cupa Capodichino a Napoli. La vittima, il 30enne Alessandro Napolitano, gestore del bar Azzurro,  è stato freddato mentre si trovava nella propria automobile. Sull’omicidio indaga la polizia.

Napolitano si trovana nella zona di Miano a bordo della sua Opel grigia, nei pressi dell’abitazione della madre, quando il killer lo ha raggiunto ed esploso contro diversi colpi di pistola a distanza ravvicinata. Letali quelli che lo hanno raggiunto alla testa.

Secondo una prima ricostruzione, l’azione del sicario era mirata ad uccidere. Si indaga a 360 gradi, la vittima non era a quanto pare legata a nessun clan.

Leggi anche:
– 
Banda del buco a Napoli, colpita una banca nei pressi del Corso Umberto I 
– Il terremoto in Albania riunisce i Balcani: serbi e kosovari in aiuto della popolazione ferita e il Papa invia 100mila euro
– Torino, ritrovato ordigno bellico: spazio aereo chiuso e famiglie evacuate, piano speciale per fare brillare la bomba
– Un solo pentito dietro l’accusa di collusione coi Casalesi: imprenditore assolto dopo 8 anni di processo
– Camorra, il boss Mauro furioso con i suoi per un raid punitivo: «C’erano i bambini sopra! Non si fa il guappo così»
– Abuso d’ufficio, proscioglimento confermato per l’ex procuratore della Corte dei Conti Oricchio e il giudice Pagano
– Liverpool-Napoli, arrestati 5 ultras partenopei prima della partita
– Poste Italiane respinge le accuse dell’Antitrust: «Ipotesi priva di qualsiasi fondamento e lo dimostreremo»
– Nuova scossa di terremoto in Albania, magnitudo 5.1 a 40 chilometri da Tirana. Il console: «Grazie Italia, aiuto prezioso»
– Capitali accumulati illecitamente e reinvestiti nell’edilizia: 5 arresti nel Cilento Sequestrati beni per 10 milioni
– Indagini sulla costituzione di un partito filonazista in Italia, blitz negli ambienti di estrema destra: 19 persone coinvolte

venerdì, 29 novembre 2019 - 07:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA