Brexit, il governo britannico: «Visti di accesso per i cittadini Ue che vorranno entrare in Gran Bretagna»

london-bridge-4363598_1920

Un sistema elettronico di controllo degli ingressi, simile all’Esta in vigore per i visti di accesso negli Usa, anche per poter entrare in Gran Bretagna. E’ ciò cui dovranno sottoporsi tutti i cittadini stranieri, inclusi quelli dei Paesi Ue, dopo la Brexit e il successivo periodo di transizione nel rispetto dello status quo previsto per ora fino al 31 dicembre 2020. Almeno stando ai programmi in materia di immigrazione del partito conservatore di Boris Johnson, illustrati oggi dal ministro dell’Interno, Priti Patel.

L’obiettivo del governo in carica britannico, già ripetutamente annunciato da Johnson nella campagna elettorale in vista del voto del 12 dicembre, è quello d’imporre un giro di vite sul flusso migratorio, secondo il modello di filtri adottato per esempio dall’Australia. Un modello che per i cittadini Ue significherà – se i conservatori vinceranno – l’equiparazione al trattamento riservato agli extracomunitari. Anche con l’introduzione, confermata oggi da Patel, esponente euroscettica della destra più radicale in casa Tory, di un meccanismo in base al quale europei che dal primo gennaio 2021 visteranno il Regno Unito, pure da semplici turisti, dovranno compilare in anticipo moduli analoghi a quelli dell’Esta americano: e attendere il via libera delle autorità di frontiera britanniche all’ingresso tre giorni prima dell’arrivo in qualsiasi aeroporto o porto dell’isola.

«A causa delle leggi Ue – afferma il ministro dell’Interno di Johnson – droga e armi entrano ora nel nostro Paese dall’Europa, accrescendo il rischio di violenze e tossicodipendenze. Dopo la Brexit i nostri confini saranno molto più sicuri». Parole propagandistiche, replica Diane Abbott, ministra dell’Interno ombra del Labour di Jeremy Corbyn, secondo cui la “hard Brexit” di BoJo e di Priti Patel indebolirà al contrario la cooperazione investigativa e d’intelligence con i 27 e di conseguenza «la sicurezza» del Regno.

Leggi anche:
– Coca Cola contro plastic e sugar tax: «A rischio gli stabilimenti del Mezzogiorno». Sospesi gli investimenti a Marcianise
– Perde il controllo dell’auto e sbatte contro un guardrail, morto 36enne nel Sassarese
– Siena, docente esalta Hitler su Twitter: l’Ateneo presenta un esposto in procura, avviato procedimento disciplinare
– Caserta, secondo raid in un ufficio postale: ‘colpo’ fallito in località Staturano
– Forti alluvioni in Francia, precipita elicottero di soccorritori: 3 morti. Salgono a 5 i deceduti per il maltempo
– Quattro milioni di litri di carburante venduti ‘in nero’, arrestate 16 persone
– Conferenza per l’ambiente a Napoli: scontri tra forze dell’ordine ed attivisti di Fridays for future a Castel dell’Ovo
– Parcheggiatore abusivo accoltellato in corso Garibaldi, alla polizia ha raccontato di avere reagito ad un tentativo di rapina 
– Fiamme in una società di gestione rifiuti di Pascarola, interdittiva per il legale rappresentante: il rogo fu colposo 
– Spari contro un’auto ai Quartieri Spagnoli, bersaglio dell’intimidazione è un 62enne dipendente dell’Asìa 
– Fondo salva Stati, intesa dopo vertice notturno a Palazzo Chigi: decisione solo dopo la risoluzione delle Camere 

lunedì, 2 dicembre 2019 - 16:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA