Rivoluzione Mibact, nascono i musei autonomi: c’è anche la sfortunata Biblioteca Girolamini di Napoli


Una nuova rivoluzione in casa Mibact. Il Ministero della Cultura e del Turismo vara i musei autonomi.  Saranno sette e sono in tutta Italia: dalla Pinacoteca Nazionale di Bologna al duo Vittoriano-Palazzo Venezia a Roma, dal Museo Nazionale d’Abruzzo al Museo archeologico Nazionale di Cagliari, dal Palazzo Reale di Napoli al Museo Nazionale di Matera, fino al Parco Archeologico di Sibari, all’Archivio di Stato ed alla Biblioteca Girolamini di Napoli che diventa Biblioteca Nazionale.

Arrivano poi tre nuove soprintendenze archivistiche e bibliografiche, la Soprintendenza Nazionale del Mare (fino ad oggi c’era solo quella siciliana fondata da Sebastiano Tusa) la Direzione generale per la salvaguardia del patrimonio o l’Istituto per la digitalizzazione del patrimonio, la cosiddetta Digital Library, viene ripotenziato il settore demo etno antropologico (ci sarà un istituto centrale per il matrimonio immateriale). I poli museali diventano direzioni regionali. A livello centrale viene rafforzata la Direzione Generale Creatività contemporanea che si occuperà di rigenerazione urbana, periferie, industrie culturali e creative, fotografia, design, moda. Per il ministro Dario Franceschini «è una ambiziosa sfida verso il futuro».

Particolarmente simbolica, e lo dichiara lo stesso Franceschini, la decisione di inserire nella lista anche la Biblioteca Girolamini, in passato oggetto di saccheggio da parte dell’allora direttore Massimo Marino De Caro, che ha portato via numerosi libri antichi. Per questo De Caro è stato già condannato in via definitiva a 7 anni per peculato, mentre è sotto processo per associazione per delinquere finalizzata al peculato. Dalle indagini è emerso che De Caro ha donato alcuni dei libri antichi sottratti dalla biblioteca dei Girolamini all’ex senatore Marcello Dell’Utri, che oggi è imputato a Napoli per peculato. Dell’Utri ha restituito tutti i volumi in suo possesso ad eccezione della preziosa ‘Utopia’ di Tommaso Moro che non si trova più. Dell’Utri sostiene di avere ignorato la provenienza illecita dei volumi, ma la procura è di diverso avviso.

Leggi anche:
– 
Scuola, premiata l’attesa di precari ed aspiranti docenti: arriva il concorso per 50mila assunzioni 
– Avvocato arrestato a Marano: voleva pilotare la vendita all’asta dell’immobile di cui era custode 
– In manette l’ultimo componente del commando che uccise Mignano mentre accompagnava il nipote a scuola 
– Fece saltare in aria la casa causando la morte della ex compagna e di due vicini, condannato a 30 anni
– Nella Napoli delle ‘sardine’ e del ‘no’ all’odio spunta una svastica: l’immagine su una panchina in piazza Municipio
– Uccise l’ex moglie e ferì il suo compagno, rito abbreviato per agente penitenziario
– Sequestrate 2,5 tonnellate di ‘botti’ illegali nel Casertano, arrestate due persone: valore stimato 150mila euro | Video
– Venezia, prova generale per il Mose: test riuscito alla bocca di porto di Malamocco | Video
– Abusivismo, le ruspe abattono villetta per le vacanze in area protetta a Mondragone
– Test d’accesso a Medicina del 2015, il Tar del Lazio annulla la graduatoria ed ammette i ricorrenti ai corsi di laurea
– Tratta e rapine: arresti della mafia nigeriana, sgominati due clan in Italia ed all’estero 
– Drammatico incidente nel Napoletano: 15enne si mette alla guida della Smart del padre, sbanda e muore 
– Elezioni regionali in Campania, il centrodestra cerca il suo ‘Maradona’ e non per tutti si tratta Stefano Caldoro 
– «Regalo di Pasqua» sotto forma di pizzo per il clan, arrestato un 31enne: decisiva la denuncia di un negoziante 
–  Condanna espiata, Dell’Utri libero: restano aperti i processi libri antichi spariti dai Girolamini e sulla trattativa Stato-mafia 

mercoledì, 4 Dicembre 2019 - 11:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA