Il senatore Grassi lascia i 5Stelle e passa con la Lega, schiaffo a Di Maio: «Le decisioni prese in solitudine non pagano»

Il senatore Ugo Grassi

Le indiscrezioni che da giorni rimbalzavano tra il Parlamento e articoli di stampa sono divenute realtà. Il Movimento Cinque Stelle perde pezzi eccellenti e li ‘regala’ alla Lega, li regala all’ex amico Matteo Salvini che continua così a rinforzarsi, numericamente, anche tra Montecitorio e Palazzo Madama. Il senatore Ugo Grassi da oggi non veste più la casacca a cinque stelle bensì quella ‘verde’ del Carroccio.

L’annuncio del passaggio alla Lega l’ha fatto lui stesso attraverso una lettera nella quale ha spiegato anche le sue ragioni. «Il mio dissenso non nasce da un mio cambiamento di opinioni – scrive – bensì dalla determinazione dei vertici del Movimento di guidare il Paese con la granitica convinzione di essere i depositari del vero e di potere assumere ogni decisione in totale solitudine». Parole che hanno il sapore di un attacco rivolto ai vertici del Movimento ed in particolare al capo politico Luigi Di Maio. «Gli effetti di questo modo di procedere sono così gravi ed evidenti (a chi vuol vedere), da non dovere neppure essere esposti. Basti l’esempio della gestione dell’ex Ilva per dare conto dell’assenza di una programmazione nella gestione delle crisi».

Leggi anche / Senatori grillini in fuga verso la Lega, Di Maio contrattacca: «Basta bugie, dicano qual è il prezzo della contropartita»

Quindi Grassi spiega brevemente perché ha deciso di passare con la Lega: durante i mesi del governo Conte1, quando Lega e Cinque Stelle erano alleati, Grassi ha avuto «modo di comprendere che molti dei miei obiettivi politici erano condividi dal partito partner di governo». Una condivisione che ha spinto Grassi a non guardare mai con sofferenza al Carroccio, benché il partito abbia messo fine all’alleanza di governo da un giorno all’altro. Grassi nella sua lettera parla infatti di una «reciproca stima costruita nei mesi appena trascorsi» tra lui e la Lega. Un passaggio che lascia intendere come Grassi stesse da tempo maturando l’idea di scendere dal carro del Movimento. «La Lega mi offre, a fronte di un evidente fallimento della mia iniziale esperienza, una seconda opportunità per raggiungere quegli obiettivi».

Leggi anche:
– Scommette sulle partite e minaccia di morte i calciatori, 25enne denunciato
– Giugliano, sequestrati quasi 25 chili di droga in un casolare: 35enne in manette
-‘Ndrangheta, le cosche infiltrate nel sistema economico dell’Umbria: arresti e sequestri per diversi milioni
Violenza sulle donne, due persone in manette a Napoli e Qualiano: accusati di atti persecutori nei confronti delle ex
– A Napoli esplosi 4 colpi di pistola, ritrovati dei bossoli nel quartiere Vicaria
– Conti gioco on line, violati i profili di migliaia di giocatori: bloccati 60 siti Perquisizioni in tutta Italia
– La bufera nel Casertano, materiali scadenti per costruire strade e viadotti in tutta Italia
– Voli di Stato, Matteo Salvini indagato per abuso d’ufficio: sotto esame 35 viaggi
– Assenteismo, ai domiciliari il primo cittadino di Scalea Gennaro Licursi
– Manovra, approvati emendamenti cardine: sì a plastic tax ma ridotta a 45 centesimi, sugar tax rinviata a ottobre

giovedì, 12 dicembre 2019 - 13:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA