Uccisa mentre dormiva dall’ex marito, confermata in Appello la pena a 20 anni: triplicati i risarcimenti per i familiari

maria archetta mennella
Maria Archetta Mennella, uccisa dall'ex marito

Nessuno sconto di pena per il pizzaiolo Antonio Ascione (di Torre del Greco), che all’alba del 23 luglio del 2017 uccise nel letto l’ex moglie Maria Archetta Mennella (anche lei di Torre del Greco). Ma neanche inasprimento della condanna di primo grado, come invece confidava la procura generale: il pm titolare dell’inchiesta aveva presentato ricorso contro l’esclusione dei motivi futili. Oggi pomeriggio i giudici della Corte d’Assise d’Appello di Venezia hanno confermato la condanna a 20 anni di reclusione che fu disposta nel primo grado. Tuttavia, rispetto al precedente verdetto, la Corte ha triplicato le provvisionali dei risarcimenti nei confronti dei familiari della donna, rappresentati dall’avvocato Alberto Berardi e dallo Studio 3a.

«Siamo contenti che almeno non hanno abbassato la pena all’assassino, perché avevamo timore che potesse ottenere altri sconti», ha detto Assunta Mennella, la sorella di Maria Archetta, che oggi si prende cura dei due figli della coppia. «Certo, 20 anni sono pochi – ha aggiunto la donna – Per me chi uccide una persona dovrebbe andare in carcere a vita, senza neanche processo. Speravamo nell’ergastolo o in trent’anni, ma purtroppo la legge italiana è questa».

L’omicidio di Maria Archetta si consumò a Venezia, dove la donna si era trasferita e aveva trovato lavoro come commessa. Mariarca, come la chiamavano gli amici, aveva infatti deciso di interrompere il suo matrimonio a causa del comportamento dell’uomo, diventato prepotente e gelose. Ma Ascione, che per mesi le chiedeva una riconciliazione, riuscì a convincere Mariarca ad incontrarsi per riflettere sulla loro storia. Dopo avere lasciati i figli dai nonni, Mariarca invitò l’ex marito nel suo appartamento di Musile del Piave dove si era trasferita. Qui però Antonio Ascione perse la testa: lesse i messaggi sul cellulare di Mariarca, ne trovò alcuni di un altro uomo e i due litigarono. Ma andarono a dormire. E di notte, mentre Mariarca era a letto, Antonio Ascione si recò in cucina prese un coltello e uccise Mariarca colpendola con cinque coltellate.

Leggi anche:
Processo ‘Olimpo’, poliziotto in aula accusa Greco: «La camorra gli chiedeva posti di lavoro e lui eseguiva»
Rampa Nunziante, il notaio ai giudici: «Incontro per modificare prezzo di una casa dello stabile poche ore dopo il crollo»
Senatori grillini in fuga verso la Lega, Di Maio contrattacca: «Basta bugie, dicano qual è il prezzo della contropartita»
– Il senatore Grassi lascia i 5Stelle e passa con la Lega, schiaffo a Di Maio: «Le decisioni prese in solitudine non pagano»
– Scommette sulle partite e minaccia di morte i calciatori, 25enne denunciato
– Giugliano, sequestrati quasi 25 chili di droga in un casolare: 35enne in manette
-‘Ndrangheta, le cosche infiltrate nel sistema economico dell’Umbria: arresti e sequestri per diversi milioni
Violenza sulle donne, due persone in manette a Napoli e Qualiano: accusati di atti persecutori nei confronti delle ex
– A Napoli esplosi 4 colpi di pistola, ritrovati dei bossoli nel quartiere Vicaria
– Conti gioco on line, violati i profili di migliaia di giocatori: bloccati 60 siti Perquisizioni in tutta Italia
– La bufera nel Casertano, materiali scadenti per costruire strade e viadotti in tutta Italia
– Voli di Stato, Matteo Salvini indagato per abuso d’ufficio: sotto esame 35 viaggi
– Assenteismo, ai domiciliari il primo cittadino di Scalea Gennaro Licursi

giovedì, 12 dicembre 2019 - 18:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA