Caso Regeni, il pm di Roma: «Attorno a Giulio stretta una ragnatela egiziana, complici persone a lui vicine»

Giulio Regeni

«Intorno a Giulio Regeni è stata stretta una ragnatela dalla National security egiziana già dall’ottobre prima del rapimento e omicidio. Una ragnatela in cui gli apparati si sono serviti delle persone più vicine a Giulio al Cairo tra cui il suo coinquilino avvocato, il sindacalista degli ambulanti e Noura Whaby, la sua amica che lo aiutava nelle traduzioni». Lo afferma il pm Sergio Colaiocco ascoltato, assieme al procuratore Michele Prestipino, davanti alla commissione di inchiesta sulla morte di Regeni.

«Una ragnatela – aggiunge Colaiocco – che si è stretta sempre di più è in cui Giulio è finito al centro». «La Procura – ha aggiunto Prestipino – continuerà con determinazione a compiere tutte le attività per continuare ad acquisire elementi di prova per accertare quanto accaduto», il quale ha sottolineato che «grande è stata l’azione portata avanti dalla famiglia che ha costantemente esercitato un’attività finalizzata alla ricerca della verità».

Leggi anche: – Anno giudiziario, il Csm sceglie i referenti per i singoli distretti: Davigo a Milano, Di Matteo a Palermo, Ermini a Perugia
– Torre Annunziata, incendio nel mercato ortofrutticolo: le fiamme lambiscono le abitazioni circostanti
– Preti pedofili, Papa Francesco abolisce il segreto pontificio: agevolata la giustizia civile; quali impedimenti vengono superati
– Ponte Morandi, processo sulle anomalie della ditta che si aggiudicò un subappalto: condannato lo zio dei boss D’Amico
– Montevergine, trafugato il tesoro della Madonna: un colpo al cuore dei fedeli ed alla millenaria storia dell’Abbazia
– 
Napoli, tabaccaio rapinato mentre torna a casa: il bandito lo prende a pugni poi scappa con 11mila euro

martedì, 17 dicembre 2019 - 17:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA