‘Ndrangheta in Piemonte, otto arresti: c’è l’assessore regionale Roberto Rosso

Roberto Rosso

Dalle prime luci dell’alba, la guardia di finanza di Torino sta eseguendo otto ordinanze di custodia cautelare in carcere, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia torinese, nonché sequestri di beni sul territorio nazionale, nei confronti di soggetti legati alla ‘ndrangheta radicati nel territorio di Carmagnola e operanti a Torino. Tra le condotte illecite, oltre all’associazione per delinquere di stampo mafioso e reati fiscali per 16 milioni di euro, è stato contestato anche il reato di scambio elettorale politico-mafioso.

C’è anche Roberto Rosso, assessore ai Diritti civili della Regione Piemonte, a lungo parlamentare di Forza Italia, per cui all’inizio degli anni ’90 é stato candidato sindaco di Torino, e ora in Fratelli d’Italia, tra le persone arrestate questa mattina. Le accuse nei suoi confronti riguarderebbero le ultime elezioni regionali.

Leggi anche:
– Roma, il ras delle cooperative Salvatore Buzzi ottiene gli arresti domiciliari
– A3 Napoli-Salerno, la svolta: Autostrade Meridionali perde la consessione. La gestione passa al consorzio Sis
– Sant’Anastasia, si dimette il sindaco finito in carcere per i concorsi truccati e spera in un’attenuzione della misura cautelare
– Acerra, agguato in strada: ucciso un 48enne, indagini affidate alla polizia
Tribunale di Napoli, Elisabetta Garzo mette d’accordo la V Commissione del Csm: proposta presidente, parola al plenum
Brescia, nominato anche il nuovo procuratore generale: da Campobasso arriva Guido Rispoli

venerdì, 20 Dicembre 2019 - 09:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA