Omicidio a Portici, appello dei sacerdoti: «Risvegliarsi dal torpore prima che sia tardi, quel delitto è un anti-presepe»

veduta Portici
Portici

«Occorre risvegliarsi come famiglie e aprirsi già nei propri condomini per estirpare le radici dell’indifferenza e dell’isolamento. Il Natale del Signore è un’opportunità di vita e di speranza per intraprendere nuove strade, per tornare ad essere umani».

Dopo l’omicidio di Ciro D’Anna, avvenuto ieri mattina in via Università, i sacerdoti delle chiese di Portici lanciano un appello alla comunità. A due giorni dal Natale l’omicidio del 38enne, che si inserirebbe in uno scontro tra i Vollaro e i Mazzarella, è «una immagine che sconvolge il presepe che richiama armonia e gioia, un anti – presepe in atto» scrivono i sacerdoti che sottolineano che «un omicidio non è mai una cosa giusta. Quali che siano le colpe dell’ucciso». «Sembra che sia la droga a comandare ancora di più, oggi nella nostra città e ad avere la meglio. A causa di una domanda incalzante da parte di tantissimi ‘acquirenti’ giovani e adulti, il mercato di essa è diventato ancora più florido». Di fronte ad un quadro desolante, sembra che siano vani i «diversi tentativi di Comunità parrocchiali e di alcune associazioni e insegnanti a favore dei giovanissimi. Tanti ragazzi appaiono già persi e incamminati sulla via del farsi male e del fare il male».

Leggi anche / Portici, dietro l’omicidio di Ciro D’Anna una faida di camorra tra Vollaro e Mazzarella

«Ma non è così! Non deve essere così» spiegano nell’appello, perché «c’è una linea di bene che continua e che non bisogna estinguere. Il contagio è necessario. Mai fermarsi. Occorre un sussulto degli animi». Da qui l’invito a «scoprire l’importanza di essere cittadini», «di abitare dignitosamente la città collaborando con le istituzioni» e di «adoperarsi con azioni efficaci di volontariato». E’ quanto mai opportuno riscoprire altri «brindisi» che «non rendano brilli» così come «la gioia dello stare insieme serenamente». Per questo motivo, venerdì 27 dicembre alle 19.30 ci sarà un momento di riflessione comune nella Chiesa di S. Antonio in via Università. «Occorre risvegliarsi dal torpore prima che sia troppo tardi», concludono i sacerdoti.

Leggi anche:
– 
Prescrizione, bocciato l’emendamento anti-riforma del forzista Costa ma la maggioranza si spacca
– Campania, elezioni suppletive il 23 febbraio: prove tecniche di alleanza tra Pd e Movimento Cinque Stelle 
– Vigilia, trasporti Anm garantiti fino alle 20: a Natale maxi pausa pranzo per i dipendenti 
– Fibrillazioni nel Governo, Fioramonti ha la valigia pronta: dimissioni da ministro ed addio ai Cinque Stelle 
– Concessioni, Autostrade minaccia il Governo sul Milleproroghe: azione legale in caso di revoca 
Con la Manovra 5 nuove tasse sotto l’albero degli italiani: ecco tutte le misure 
– Fondi per la promozione del turismo, chiesto il processo per il governatore della Calabria Mario Oliverio (Pd)
– Caso Tirrenia, interrogazione parlamentare di LeU sulla chiusura delle sedi di Napoli e Cagliari: a rischio mille posti di lavoro
– Condannato e scarcerato, Natale a casa per il ras Saltalamacchia: riqualificate le accuse sul pestaggio di un ragazzo
– Sedicenni uccise a Ponte Milvio, le analisi sul guidatore: tasso alcolemico pari a 1,4 grammi.

martedì, 24 Dicembre 2019 - 13:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA