Reddito di cittadinanza, a Caserta scacco ai furbetti: c’è anche un ex titolare di un noto caseificio

Guardia di Finanza

Ottanta “furbetti” del reddito di cittadinanza scoperti dalla Guardia di Finanza a Caserta e provincia negli ultimi mesi: tra questi figurano lavoratori in nero, contrabbandieri e venditori abusivi “storici” che operano nei pressi della Reggia di Caserta. Varia la tipologia di lavoratori che hanno percepito il contributo: pizzaioli, camerieri, baristi, cassieri, addetti ad autolavaggi, operai tessili e calzaturieri, magazzinieri e muratori.

Emblematico il caso di un ex titolare di un importante caseificio, il quale, cedute le quote dell’impresa ai propri familiari, pur continuando a tenere un alto tenore di vita, tanto da essere stato più volte fermato a bordo di un potente e lussuoso Suv, ha richiesto e ottenuto il reddito di cittadinanza, in quanto nella domanda di sussidio si era “dimenticato” di comprendere nel proprio nucleo familiare la moglie, titolare di redditi e intestataria di beni patrimoniali ben oltre i limiti massimi previsti dalla legge per poter accedere al contributo.

Leggi anche:
– Il Pd di Ercolano perde ancora pezzi, il consigliere Sabbarese passa ad ‘Azione’: «Non mi riconosco più in certe dinamiche»

– Elezioni Calabria, Occhiuto (Fi) ritira la sua candidatura ‘solitaria’ e salva il centrodestra dalla dispersione di voti
– Prescrizione, l’ultimo tentativo del Pd: presentazione della proposta di legge e conferenza stampa
– Gran Sasso, 3 morti: 2 alpinisti precipitano per centinaia di metri, recuperato il corpo dell’escursionista scomparsa ieri
– Giustizia, via al concorso per 20 incarichi direttivi: dal procuratore generale di Roma al capo della procura di Avellino
– Caso Tirrenia, l’Usb pronto allo sciopero: l’incontro al ministero del Lavoro non convince il sindacato
– Accoltella l’amante della compagna la notte della vigilia di Natale, 28enne finisce in carcere
–  Intimidazioni agli amministratori locali, boom di casi nel 2019: in Sicilia escalation di violenze | L’allarme del Viminale

venerdì, 27 Dicembre 2019 - 12:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA