Istruzione, Conte nomina 2 ministri: il rettore della Federico II di Napoli Manfredi all’Università, Azzolina alla Scuola

Manfredi-Azzolina
Gaetano Manfredi e Lucia Azzolina

Il ministero dell’Istruzione si spacchetta e al dimissionario Lorenzo Fioramonti subentrano due ministri. Gaetano Manfredi, rettore della prestigiosa Università Federico II di Napoli, è il nuovo ministro dell’Università e della ricerca.

Fratello dell’ex parlamentare del Pd Massimiliano, Gaetano Manfredi è stato più volte proposto a presidente della Regione Campania e a sindaco di Napoli ma ha sempre declinato ogni offerta di entrare in politica, preferendo restare alla guida dell’Università (è anche il presidente della Crui, la conferenza dei rettori). Oggi è arrivato il primo sì. Un sì che però non è legato ad alcuno schieramento politico. Quello di Manfredi sarà infatti un ministero tecnico.

Il sottosegretario Lucia Azzolina, che fa parte del Movimento Cinque Stelle, è stata invece promossa a ministro della Scuola. Trentasette anni, originaria di Florinda (in provincia di Siracusa) ma trapiantata in Piemonte, Azzolina è diventata dirigente scolastico lo scorso agosto. Appena eletta ha presentato un disegno di leggo per ridurre il numero massimo degli studenti per classe.

Le nomine sono state annunciate dal premier Giuseppe Conte nel corso della conferenza stampa di fine anno. Non è mancato un passaggio sulle ragioni addotte da Fioramonti alle sue dimissioni: «Ringrazio il ministro Fioramonti per l’attività fin qui prestata. Abbiamo la necessità di rilanciare il comparto della ricerca e dell’università. Non è vero che non abbiamo compito passi avanti, introdurremo nel 2020 l’Agenzia nazionale della ricerca che possa fungere da coordinamento ai vari livelli», ha spiegato Conte. «Dobbiamo fare qualche sforzo in più, dobbiamo rilanciare un piano straordinario per i ricercatori, incrementare i fondi per il diritto agli studi. Mi sono convinto che la cosa migliore sia separare il comparto scuola dal comparto ricerca a università. Mi farò latore della creazione di un nuovo ministero dell’Università e della Ricerca: ho pensato di nominare la sottosegretaria Azzolina ministra della Scuola e Gaetano Manfredi, presidente Crui, ministro della università e della ricerca. Affiancherò il neo ministro per una ricognizione di un mese in cui sentiremo tutti gli stakholders».

Leggi anche:
– Rimborsi, l’ex ministro Fioramonti attacca: «Sono in regola. Metodo imposto farraginoso e poco trasparente»
– Artigiano in coma alle Barbados, organizzata una colletta per farlo rientrare in Italia: servono 160mila euro
– Il Pd di Ercolano perde ancora pezzi, il consigliere Sabbarese passa ad ‘Azione’: «Non mi riconosco più in certe dinamiche»

– Elezioni Calabria, Occhiuto (Fi) ritira la sua candidatura ‘solitaria’ e salva il centrodestra dalla dispersione di voti
– Prescrizione, l’ultimo tentativo del Pd: presentazione della proposta di legge e conferenza stampa
– Gran Sasso, 3 morti: 2 alpinisti precipitano per centinaia di metri, recuperato il corpo dell’escursionista scomparsa ieri
– Giustizia, via al concorso per 20 incarichi direttivi: dal procuratore generale di Roma al capo della procura di Avellino
– Caso Tirrenia, l’Usb pronto allo sciopero: l’incontro al ministero del Lavoro non convince il sindacato
– Accoltella l’amante della compagna la notte della vigilia di Natale, 28enne finisce in carcere
–  Intimidazioni agli amministratori locali, boom di casi nel 2019: in Sicilia escalation di violenze | L’allarme del Viminale

sabato, 28 dicembre 2019 - 12:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA