Nozze trash di Tony e Tina, licenziati i 5 ispettori della Penitenziaria che suonarono la fanfara per gli sposi

Tony Colombo

Sono stati licenziati dall’amministrazione penitenziaria i cinque ispettori che appartenevano alla banda musicale della Polizia penitenziaria e che, a titolo personale, lo scorso 27 marzo suonarono la fanfara al matrimonio di Tony Colombo e Tina Rispoli.

Secondo quanto riportato dall’Ansa, con il danno di immagine arrecato dagli ispettori sarebbe venuto meno il rapporto fiduciario con il Corpo della Penitenziaria. La decisione è giunta a quasi dieci mesi dal matrimonio. I cinque ispettori della Penitenziaria, tutti residenti in Campania, vennero immortalati dai fan mentre si esibivano per gli sposini. Le immagini, che divennero subito virali sul web, innescarono gli accertamenti del Dap il quale, qualche giorno dopo comunicò agli ispettori un provvedimento di sospensione. Le nozze sollevarono un vespaio di polemiche e fecero anche scattare un’indagine della DDA sul concerto andato in scena il giorno prima in piazza del Plebiscito.

«Siamo certamente dispiaciuti per i destinatari dei provvedimenti e per gli effetti che da essi conseguiranno – hanno commentato il presidente dell’Uspp Giuseppe Moretti, e il segretario campano Ciro Auricchio – Nel contempo siamo certi che quanto accaduto possa fare da monito per tutti gli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria».

Leggi anche:
– Procura di Avellino, aperta la successione a Rosario Cantelmo: i magistrati in lizza sono quattro 
– Elezioni suppletive del 23 febbraio a Napoli, la sfida è a quattro per un posto al Senato: ecco i candidati e le alleanze
– San Giorgio ricorda le vittime del nazismo: installate 4 pietre d’inciampo. Il sindaco Zinno: «Nessuno deve dimenticare»
– Sanità a Napoli, assunti 797 infermieri: la mappa dei presìdi dove lavoreranno. De Luca: «In atto una vera rivoluzione»
– Donna si dà fuoco davanti al tribunale dei minori di Mestre: è in gravi condizioni
– Cosenza, Cinzia Guercio è il nuovo prefetto: prende il posto di Paola Galeone, agli arresti domiciliari
– Suppletive, i giochi sono fatti: lista Ruotolo senza logo del Pd, Napolitano e Guangi in lizza per M5S e centrodestra 
– Caso Gregoretti, è il giorno del giudizio su Matteo Salvini: il leader della Lega chiede ai suoi di votare sì al processo 
– Foggia, task force contro la criminalità che assedia la città: raffica di perquisizioni 
– Mafia, alleanza tra clan di Catania e Trapani: 23 indagati, sequestrati beni per 20 milioni di euro

martedì, 21 gennaio 2020 - 09:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA