Congressi inesistenti in mezzo mondo, sequestro per oltre un milione alla Sherid Pharma: fatture false dietro i meeting

Guardia di Finanza

L’accusa è di avere saldato fatture per operazioni oggettivamente inesistenti, per oltre 2 milioni di euro. E’ di avere gonfiato o di avere attestato il falso in relazione ai costi sostenuti per  l’organizzazione di meeting e congressi presso varie capitali europee, del sud est asiatico e del sud America. Viaggi effettuati, sulla carta, in città come Singapore e Rio de Janeiro. Viaggi che in realtà non si sono mai verificati.

La Sherid Pharma srl (con sede a Piano di Sorrento), azienda leader nel settore del commercio all’ingrosso di integratori, finisce nel mirino della procura della Repubblica di Torre Annunziata e del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli. Questa mattina le fiamme gialle hanno eseguito un sequestro – sui conti correnti – per oltre un milione di euro (sia in capo alla società che al rappresentante legale Umberto Di Maio), ritenendo la somma «profitto illecito di una maxi evasione fiscale posta in essere dalla società». Sotto i riflettori della Finanza sono finite anche le società che materialmente hanno prodotto le fatture false, alcune delle quali non sono più esistenti.

La misura cautelare patrimoniale scaturisce da un’attività ispettiva condotta dal II Gruppo Tutela Entrate del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Napoli, nell’ambito dell’operazione denominata “Pillole da viaggio”: dalle indagine è emerso, in relazione alle annualità 2013, 2014 e 2015, l’utilizzo da parte della Sherid Pharma di fatture per operazioni oggettivamente inesistenti, per oltre 2 milioni di euro. «Il meccanismo fraudolento – si legge in una nota diffusa dalla Finanza – è stato individuato a seguito di specifici e capillari controlli fiscali». Con il ‘sistema’ creato, la società ha creato «crediti IVA inesistenti e costi fittizi, che hanno generato una maxi evasione ai danni dell’Erario».

Leggi anche:
– 
Cinque Stelle sotto choc, Di Maio lascia la guida del Movimento: Bonafede e Patuanelli per la successione 
– Estorsione ed usura, 34 arresti dei carabinieri: le mani del clan Luongo-D’Amico su Portici e San Giorgio 
– Suppletive a Napoli per il Senato, l’avvocato Guarino spariglia le carte e si candida con ‘Rinascimento partenopeo’
– Pavia, sequestro di beni per 30 milioni a imprenditore: per i pm «è fiscalmente e socialmente pericoloso»
– Inchiesta sulla ‘banda dei parcheggi’, funzionario della Sas di Firenze resta in cella: il gip respinge l’istanza della difesa
– Assenteismo, sospesi due dirigenti veterinari a Gorizia: per i pm si recavano al ristorante o al bar durante il servizio
– Carabiniere accoltellato alla testa da un 43enne durante un intervento in un appartamento di Casoria 

mercoledì, 22 Gennaio 2020 - 10:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA