Operai morirono lavorando su chiuse del Po, tre condanne dopo 7 anni dai fatti

Vigili del fuoco

Dopo sette anni di indagini, processi e perizie tecniche, il giudice Carlo Negri del tribunale di Ferrara ha condannato tre dei cinque imputati – assolti gli altri due – per la morte di due operai che stavano eseguendo lavori sulle chiuse del bacino di Valle Lepri che fa parte dell’Idrovia del Po.

Condanna a 2 anni e 6 mesi per la titolare della ditta costruttrice, la General Montaggi Industriali Costruzioni in acciaio di Villadose (Rovigo), Maria Antonietta Strazzullo; stessa pena per il tecnico Federico Tita di Adria, dipendente della ditta costruttrice e direttore tecnico di cantiere, così anche per Bruno Droghetti di Ferrara, dirigente Idrovia ferrarese Aipo, progettista e direttore lavori del progetto.

Assolti invece Ettore Alberani di Boretto (Reggio Emilia), dirigente Aipo, agenzia interregionale Po con delega alla gestione dell’Idrovia ferrarese, coinvolto come Rup per la manutenzione Valle Lepri e Vittorino Malagò di Felonica (Mantova), coordinatore sicurezza del progetto di manutenzione delle chiuse, per i quali l’accusa sostenuta dal pm Ciro Albero Savino aveva chiesto invece la condanna. Durante i lavori di manutenzione, il 22 febbraio 2013, morirono i due operai Fabrizio Veronese 56 anni, di Rovigo e Guglielmo Bellan, 53enne di Loreo (Rovigo), dipendenti della ditta Gmi di Villadose di Rovigo.

I due stavano eseguendo l’intervento e morirono affogati nel bacino dopo che le paratie su cui stavano lavorando cedettero, riversando l’ondata d’acqua del canale che li travolse e uccise. Le paratie, quando a causa di una rottura del piedino che le ancorava alla base di cemento armato, cedettero in quel punto: la vasca dove si trovavano gli operai venne invasa da una ondata micidiale che in pochi secondi non lasciò scampo ai due lavoratori. Le famiglie costituite parte civile avevano già ottenuto risarcimenti importanti ed erano uscite dal processo. La motivazione verrà resa nota tra 90 giorni. 

Leggi anche:
– 
Truffa alla marchesa discendente di Mameli, il commercialista imputato chiede di essere interrogato dal gup
– Crack della Banca Popolare di Bari, arrestati ex presidente e figlio: per gli inquirenti hanno occultato 5,6 milioni 
– Si spararono in strada per una faida di camorra, 3 arresti a Brusciano: in cella affiliati ai clan Rega e Palermo 
– Coronavirus, negativi i primi esami sulla nave a Civitavecchia: sbarco ok per 1143 persone, coniugi cinesi in quarantena
– Sfuggì al maxi-blitz contro il clan Contini, latitante arrestato a Paestum
– Maturità 2020, il ministro Azzolina annuncia le materie della seconda prova
– Uccise un carabiniere e ferì il commilitone, 66enne a giudizio nel Foggiano
– Lavoro, l’Istat: «A dicembre occupazione in calo, aumentano disoccupati e inattivi»
– Coronavirus, seimila persone bloccate su una nave da crociera a Civitavecchia: a bordo un caso sospetto
– Prescrizione, il pg di Napoli Riello: «Ha ragione chi parla di eterni giudicabili, tanti processi saranno accantonati» 
– Massacrata di botte ed uccisa dal marito, a Mazara del Vallo l’ennesima vittima di femminicidio

venerdì, 31 gennaio 2020 - 16:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA