Caso Open Arms, la decisione della Giunta delle immunità del Senato entro il 3 marzo

Matteo Salvini
L'ex ministro degli Interni Matteo Salvini (foto Kontrolab)

La Giunta delle immunità del Senato si deve esprimere sul caso Open arms entro il 3 marzo. L’ha deciso l’ufficio di presidenza della Giunta definendo il calendario dei lavori. Dopo la prima riunione giovedì 6, entro il 17 la Giunta potrebbe sentire in audizione Matteo Salvini (questo è anche il termine entro il quale il senatore dovrà far arrivare una relazione, se crede); il 18 alle 13 ci sarà la proposta del relatore; il 19 febbraio comincerà la discussione che continuerà il 20.

Nei giorni scorsi il Tribunale dei ministri di Palermo aveva avanzato la richiesta di autorizzazione al processo con l’accusa, per Matteo Salvini, di sequestro di persona. Nella richiesta si evince che i 164 migranti «vennero costretti forzatamente a rimanere a bordo per sei giorni, dal 14 agosto sino all’esecuzione del sequestro preventivo, in data 20 agosto (solo per i soggetti minorenni, sino al 18 agosto, data in cui ne venne autorizzato lo sbarco)». «La privazione di libertà personale dei soggetti a bordo della Open Arms – si legge ancora –  ha dunque assunto carattere di illegittimità, non solo in quanto inflitta in violazione di precise norme di rango primario, ma altresì in quanto non era consentita né imposta da alcuna ragione giuridicamente rilevante».

Leggi anche:
– Pensione di garanzia per i giovani, il Governo apre alla proposta dei sindacati
– Rogo Thyssenkrupp, la Germania rigetta il ricorso dei manager: sconteranno 5 anni
– Caso Regeni, il padre: «Zone grigie sia in Egitto che in Italia, l’ambasciatore non risponde»
– Crac della Banca Popolare di Bari, l’ex presidente e il figlio non rispondono al gip
– Prescrizione, Carfagna (Fi): «Voto a maggioranza qualificata per le norme penali, no baratti sulla Giustizia»
– ‘Spazzacorrotti’, la legge finisce sul tavolo della Consulta: esame sul tema della retroattività
– Prescrizione, nuovo tavolo per la maggioranza e Conte lancia un appello: «Non fermarsi su questioni di principio»
– Parcheggiò sul posto disabili, si è ucciso il vigile urbano finito al centro dello scandalo: si era scusato e multato 
– La battaglia anti-casta sui vitalizi rianima i Cinque Stelle: si decide sul ricorso di 1270 tra onorevoli ed ex contro il taglio

martedì, 4 Febbraio 2020 - 19:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA