Crac Mercatone Uno, il fatto non sussiste: il gip assolve tutti gli imputati

Mercatone uno

Le severe richieste di condanna che il pubblico ministero Michele Martorelli aveva invocato nell’udienza del 21 gennaio sono rimaste lettera morta. Oggi pomeriggio il giudice per le indagini preliminari Domenico Truppa del Tribunale di Bologna ha stabilito che per il primo crac di Mercatone Uno nessuno degli imputati è colpevole. Tutte assolte le sei persone finite sotto accusa. Tutte assolte con la formula perché il fatto non sussiste.

LEGGI ANCHE / Crac Mercatone Uno, il pm chiede 6 condanne
per bancarotta fraudolenta: 4 anni e 4 mesi per l’ex amministratore

Per leggere le motivazioni occorrerà attendere 90 giorni. L’assoluzione è stata disposta per l’ex amministratore Giovanni Beccari, l’ex consigliere Ilaro Ghiselli, Gianluca Valentini (figlio di Luigi, altro fondatore di Mercatone Uno), per le figlie di Romano Cenni (storico fondatore di Mercatone Uno, scomparso nel marzo del 2017), Elisabetta, Micaela e Susanna. Tutti gli imputati rispondeva di bancarotta per distrazione. La procura contestava diverse operazioni societarie, fatte tra il 2005 e il 2013, per depauperare l’azienda, arrivando a sottrarre nel tempo 300 milioni alla società, che poi entrò in amministrazione straordinaria.

Leggi anche:
– Benevento, operaio di Afragola deceduto in un incidente sul lavoro: sei indagati
– A Napoli vertice sulla sicurezza, Mauri: «In arrivo altri 100 agenti, ma c’è bisogno di riqualificazione urbanistica e sociale»
– Ordine avvocati di Napoli, Fiore si dimette: «Decisione non semplice». In base alla legge Falanga non era eleggibile
– Roma, arrestato funzionario dei vigili urbani: soldi e regali per chiudere un occhio sugli illeciti rilevati
– Specializzandi in medicina, stessa causa contro la Presidenza del Consiglio: uno vince e l’altro perde | Il caso a Roma
– Corruzione, domiciliari revocati per i vertici della Coronte & Tourist. Libero anche il sindaco di Villa San Giovanni
– Caos prescrizione, Bonafede a Renzi: «Basta molestare i cittadini, toni da Cav o Salvini». Orlando prova a fare il pompiere
– Voto di scambio alle Regionali 2015 in Campania, via libera della Giunta per le immunità alle intercettazioni su Cesaro
– Marano, clan Orlando come un’azienda: 1500 euro di stipendio agli affiliati, c’è il ‘bonus’ per chi ha parenti in carcere

 

mercoledì, 5 febbraio 2020 - 19:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA