Dalla Camera misure contro la diffusione dell’antidolorifico Fentanyl, la ‘droga’ che si vende dietro ricetta

medicine

Un potentissimo farmaco antidolorifico che ha fatto morti negli Stati Uniti e spaventa anche l’Italia. E’ il Fentanyl, che tra le sue vittime avrebbe anche lo chef italiano trapiantato a New York Andrea Zamperoni. Ieri la Camera dei deputati ha approvato la mozione per il contrasto alla diffusione di questo ed altri farmaci antalgici simili.

Il testo approvato con 484 sì ed un astenuto impegna il Governo ad «adottare le iniziative idonee per investire l’Unione europea al fine di proporre l’adozione di ulteriori e più efficaci politiche di contrasto alla diffusione del Fentanyl e similari nel territorio dei Paesi membri; a predisporre, a cura del Ministro dell’interno, un’attenta vigilanza per contrastare la diffusione illegale di Fentanyl e similari, fatti salvi gli usi terapeutici, attivando in particolare la polizia postale, e per tutelare gli agenti dal contatto cutaneo; a predisporre, a cura del Ministro della salute, un’indagine ministeriale per accertare eventuali ulteriori casi di morte imputabili a tale sostanza, quando assunta a scopo voluttuario, non ancora individuati».

Il governo dovrà inoltre consentire «la divulgazione e la pubblicazione tempestiva dei dati relativi ai casi di morte a causa del Fentanyl utilizzato a scopo voluttuario; a predisporre, da parte del Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale, i necessari contatti diplomatici con il Governo cinese, avviando forme di collaborazione necessaria per garantire un efficace contrasto al narcotraffico; ad attivare azioni informative precoci sull’alta pericolosità di tale sostanza, se utilizzata fuori dal controllo medico, anche per le persone in carico ai servizi pubblici per le tossicodipendenze, alle comunità o in contatto con le unità di prevenzione in strada».

Il Fentanyl è un antidolorifico molto potente, usato di solito per gestire il dolore oncologico ed è inserito dall’Organizzazione mondiale della Sanità nella lista dei farmaci essenziali per il trattamento di tumori in stadio avanzato. Ma si è poi trasformato, entrando nel ‘mercato nero’ dei farmaci, in una droga, efficace sostituto di eroina e cocaina.

Leggi anche:
– 
Ex deputato regionale e collaboratore indagati a Palermo, sono accusati di avere sottratto somme ad un ente benefico 
– Camorra e droga: 24 arresti a Marano nel clan Orlando, tra gli indagati c’era chi si dava le ‘mesate’ alle famiglie dei detenuti 
– Caso Open Arms, la decisione della Giunta delle immunità del Senato entro il 3 marzo
– Pensione di garanzia per i giovani, il Governo apre alla proposta dei sindacati
– Rogo Thyssenkrupp, la Germania rigetta il ricorso dei manager: sconteranno 5 anni
– Caso Regeni, il padre: «Zone grigie sia in Egitto che in Italia, l’ambasciatore non risponde»
– Crac della Banca Popolare di Bari, l’ex presidente e il figlio non rispondono al gip
– Prescrizione, Carfagna (Fi): «Voto a maggioranza qualificata per le norme penali, no baratti sulla Giustizia»
– ‘Spazzacorrotti’, la legge finisce sul tavolo della Consulta: esame sul tema della retroattività
– Prescrizione, nuovo tavolo per la maggioranza e Conte lancia un appello: «Non fermarsi su questioni di principio»
– Parcheggiò sul posto disabili, si è ucciso il vigile urbano finito al centro dello scandalo: si era scusato e multato 

mercoledì, 5 febbraio 2020 - 09:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA