Rifiuti sepolti in un’area protetta del Parco nazionale del Gargano, operazione del Noe: 6 arresti

Un controllo del Noe

Rifiuti seppelliti in avvallamenti naturali del terreno, all’interno dell’area protetta del Parco nazionale del Gargano, in Puglia. Rifiuti pericolosi e non occultati in una zona particolarmente importante dal punto di vista ambientale, un vero e proprio ‘paradiso’ naturalistico in cui però avveniva un’attività di smaltimento illecito.

A scoprire quanto avveniva e ad arrestare sei persone considerati responsabili delle attività sono stati i carabinieri del Nucleo operativo ecologico e del Comando provinciale di Foggia che hanno eseguito gli arresti nei confronti di sei indagati accusati di avere illegalmente smaltito, riempiendo gli avvallamenti naturali del terreno, i rifiuti.

L’ordinanza è stata emessa dal gip del tribunale di Bari su richiesta della locale Procura della Repubblica – Direzione distrettuale antimafia.

Leggi anche:
– 
Obbligo scolastico dai 3 ai 18 anni, ipotesi al vaglio del Governo. Scontro coi sindacati sui 100 euro in più in busta paga per i prof
– 
Pax mafiosa ad Ostia, l’avvocato Lucia Gargano risponde al gip: «Non ho portato messaggi ad Ottavio Spada» 
– Palermo, 8 arresti per mafia: c’è anche Gaetano Scotto, il boss indagato per la morte del poliziotto Nino Agostino
– Regionali Campania, il Pd rompe gli indugi: candida De Luca e apre le trattative con i Cinque Stelle e Italia Viva
– Giustizia, il costo economico di un processo per lo Stato: la corrente Md fa i conti, si arriva sino a 2mila euro
– ‘Ndrangheta in Valle d’Aosta, chieste pene sino a 20 anni: proposta anche la condanna dell’avvocato Romeo
– Camorra, così i Lo Russo facevano entrare in carcere i telefonini per i loro detenuti: «Prendi una scarpa e il nastro isolante»
– Coronavirus, caso sospetto in Campania: paziente cinese residente nel Salernitano trasferito all’ospedale Cotugno di Napoli

martedì, 18 Febbraio 2020 - 09:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA