Sant’Anastasia, ‘pizzo’ ad un’impresa edile: due arrestati, uno è il figlio di un ras del clan Perillo-Panico

carabinieri

L’accuasa è di avere minacciato un imprenditore edile affinché consegnasse il ‘pizzo’ da 2mila euro: ieri pomeriggio del nucleo operativo radiomobile della Compagnia di Castello di Cisterna hanno arrestato due persone, tra le quali il figlio del boss del clan Perillo-Panico, con l’accusa di estorsione aggravata dalla matrice camorristica.

I fatti sono accaduti a Sant’Anastasia, comune in provincia di Napoli. Il carcere è stato disposto dal gip del Tribunale di Napoli per Ciro Perillo, figlio di Gerardo Perillo (boss del clan Perillo-Panico), mentre i domiciliari sono stati disposti per Giovanni Angelo Rea, ritenuti rispettivamente il mandante e l’esecutore materiale della richiesta di “pizzo”, «per aiutare le famiglie dei detenuti».

Leggi anche:
– 
Abbonamenti pirata a pay tv, denunciati 223 clienti in tutta Italia: rischiano sino a 8 anni di carcere e multe salate
– Concorsi e nomine pilotate nella sanità lucana, rinviati a giudizio l’ex governatore Pittella (Pd) e altri 21 imputati
– Uccise la moglie con un colpo di pistola, la Cassazione chiude il processo: ergastolo confermato a Carmine D’Aponte
– Omicidio Bottone, arrestato uomo dei Sequino. Il pentito sopravvissuto: «Ucciso davanti a un ragazzino di 12 anni»
– Napoli, svuotavano i conti di clienti in fin di vita: 2 persone arrestate e 15 indagati
– Napoli, crac pilotato dietro il ‘Gran Bar Riviera’. Il gip: «Schema truffaldino messo in piedi da commercialista e imprenditori»
– Caso Aurora Grazini, c’è un primo indagato: medico accusato di omicidio colposo – Elezioni, il nome di Costa spacca i grillini. Brambilla: «Se è lui la scelta, seguito metodo antidemocratico»
– Consip, il gip impone ai pm di indagare Denis Verdini e di fare altre verifiche su Tiziano Renzi e Luca Lotti

giovedì, 20 febbraio 2020 - 08:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA