Coronavirus, panico in Lombardia: i Comuni chiudono scuole, uffici e bar. Sei i contagiati, quarantena per 250 persone

Coronavirus

Sei contagiati, scuole chiuse per il timore di un’epidemia, un ospedale in quarantena e quarantena speciale per tutti quelli che sono entrati in contatto con i contagiati. In Lombardia è scoppiato il panico da contagio di Coronavirus. I malati sono tutti adulti, intorno ai 40 anni, e come affermato dal governatore della Lombardia Attilio Fontana sono «in condizioni serie».

Il primo ad essere stato ricoverato, ieri sera, è stato un 38enne, dipendente della Unilever di Lodi, che è in terapia intensiva all’ospedale di Codogono (in provincia di Lodi). Le sue condizioni sono leggermente migliorate. L’uomo, nelle settimane scorse, sarebbe andato a cena con un collega tornato dalla Cina, un dipendente della Mae di Fiorenzuola d’Arda, nel Piacentino. Positiva anche la moglie, un’insegnante incinta e al momento in maternità. Una terza persona che avrebbe avuto contatti con il 38enne, per aver fatto sport con lui, si è presentata spontaneamente in ospedale con sintomi di polmonite. Altre tre persone sono ricoverate con quadro clinico di polmonite all’ospedale di Codogno. Il collega rientrato dalla Cina è stato accompagnato all’ospedale Sacco di Milano dove si trova in isolamento ed è risultato negativo ad un primo test per il coronavirus. Oltre al 38enne e a sua moglie, sarebbero 3 clienti di un bar di Codogno e il figlio del titolare dell’esercizio gli altri quattro positivi al Coronavirus. Risulta ricoverata in isolamento nel reparto di Malattie Infettive dell’Ospedale di Piacenza una donna, sintomatica, collega del 38enne positivo al coronavirus. 

E’ stata disposta la quarantena per 250 persone entrate in diretto contatto con il 38enne ricoverato a Codogno. Tra loro – ha fatto sapere l’assessore al Welfare della Lombardia, Giulio Gallera – 149 sono infermieri, medici, familiari e persone entrate in contatto diretto con il 38enne ricoverato a Codogno. Poi ci sono i dipendenti che lavorano nella sua ditta e che hanno avuto contatto diretto con lui. Gallera ha invitato i cittadini di Castiglione d’Adda, Codogno e Casalpusterlengo, a scopo precauzionale, a rimanere a casa «in quarentena volontaria» e ha chiarito che sono già stati effettuati tutti gli accertamenti diagnostici necessari sull’intero staff medico e sanitario dell’ospedale di Codogno.

Dopo la notizia dei contagi, diversi Comuni hanno deciso di chiudere le scuole, qualcuno ha optato per la chiusura anche di bar e ristoranti oltre che di uffici comunali. La misura sarà in vigore fino a martedì, salvo nuove comunicazioni. A Casalpusterlengo resteranno chiusi scuole e nidi,  bar e ristoranti, oltre agli uffici comunali. A Codogno chiudono scuole, uffici e le palestre che in orario extrascolastico vengono utilizzate da società sportive. Almeno fino a domenica chiusi anche gli impianti sportivi e, scrive il sindaco, «tutti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, di pubblico intrattenimento e i luoghi di assembramento pubblico», ad esempio «discoteche, sale da ballo, sala giochi». A Lodi il Csi ha sospeso tutte le gare dei campionati di pallavolo, calcio a 11, pallacanestro ed atletica. Scuole chiuse anche a Castiglione d’Adda: qui chiudono anche la biblioteca comunale, gli uffici comunali. Sospese anche le manifestazioni per il Carnevale.

Leggi anche:
– L’ultimatum di Matteo Renzi: «Quattro idee per l’Italia. Se Conte le respinge faremo un passo indietro»
– Coronavirus, sono tre i contagiati in Italia: marito, moglie ed un amico. L’ospedale di Codogno è stato chiuso al pubblico 
– Catania, quattro arresti e sequestro da 94 milioni di euro per la bancarotta della Tecnis Spa 
– Analisi gratis per parenti ed amici, indagati 141 tra medici ed infermieri dell’ospedale Grassi di Ostia 
– Raid punitivo in un nego zio bengalese, per i pm fu motivato dall’odio razziale: 11 arresti a Palermo 
– Coronavirus, un contagio in Lombardia: è un 38enne positivo ai test ricoverato nell’ospedale di Codogno 
– Decreto intercettazioni, ora il voto di fiducia alla Camera dei Deputati: ecco cosa cambia con le nuove disposizioni

venerdì, 21 Febbraio 2020 - 17:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA