Coronavirus, il presidente del Tribunale di Milano ci ripensa: processi penali sospesi, con qualche eccezione

Tribunale di Milano
Il Palazzo di Giustizia di Milano

Il Tribunale di Milano si ferma. Dopo una iniziale decisione dei vertici degli uffici giudiziari di non sospendere le attività giudiziarie ma di intervenire solo sul settore civile, il presidente del Tribunale Roberto Bichi accoglie le doglianze degli avvocati penalisti milanesi e dispone la sospensione di tutti i processi sino al 31 marzo con qualche eccezione.

Saranno trattati i procedimenti attinenti a convalide di arresto e di fermo, i procedimenti nei confronti di persone detenute, internate o in stato di custodia cautelare, le procedure di competenza del Riesame, i procedimenti che presentano carattere di urgenza, che sarà valutato nel concreto, dal giudice.

Nel provvedimento il presidente del Tribunale motiva la decisione alla luce della necessità di capire come riorganizzare gli uffici dal momento che è in corso il censimento di tutto il personale dei magistrati e di quello amministrativo allo scopo di capire se vi siano altri casi di contagio oltre ai due giudici risultati positivi.

Leggi anche:
– La strage delle donne nel crollo a Barletta, condanne confermate in Cassazione ma pene da ricalcolare: alcuni reati prescritti
– Alta Velocità in tilt per un incendio, treni cancellati e ritardi fino a due ore
– Coronavirus, per gli italiani viaggiare all’estero è un’impresa: voli cancellati, frontiere chiuse e quarantena | La mappa
– Coronavirus, gli avvocati di Treviso come quelli di Napoli: proclamata l’astensione
– Napoli, inchiesta sul 16enne ucciso durante una rapina: niente carcere per il complice 17enne, va in comunità
– Napoli, bufera a Palazzo San Giacomo: Auricchio abbandona de Magistris
– Consip, chiuso il filone di inchiesta per Lotti e il generale Saltalamacchia: sono accusati di fuga di notizie

martedì, 3 Marzo 2020 - 20:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA