Coronavirus a Napoli, controlli a bordo della nave in quarantena: test negativo per i 9 marittimi, ma nessuno sbarcherà

Porto Napoli

Stanno bene i nove marittimi tenuti in isolamento sulla motonave Majestic nel porto di Napoli dopo essere entrati in contatto con un passeggero tunisino risultato positivo al Coronavirus durante la navigazione tra Genova e Tunisi a bordo di un’altra nave.

Le visite mediche effettuate dagli Uffici di Sanità Marittima sui marittimi hanno escluso sintomi compatibili con il Coronavirus. Tuttavia – come da protocollo – i nove rimarranno in isolamento dieci giorni e al resto del personale di bordo, 125 persone tra equipaggio e operai, sarà proibito di scendere a terra. Per la nave – si precisa dalla compagnia armatrice, la Gnv con sede a Genova – la sosta a Napoli era già prevista per consentire ordinari lavori di manutenzione. Motivo per cui non si può parlare di blocco.

Leggi anche / Coronavirus, nave in quarantena nel porto di Napoli: in Campania 50 contagi e 14 ricoverati. C’è il primo paziente guarito

In una nota è la stessa compagnia a ricostruire la vicenda: «Nove marittimi che erano a bordo del traghetto Rhapsody in viaggio tra Genova e Tunisi il giorno 26 febbraio, in occasione della sosta pianificata presso i cantieri di Genova, erano stati trasbordati raggiungendo la motonave Majestic attualmente impegnata in lavori di manutenzione a Napoli. A seguito delle segnalazioni ricevute circa il potenziale contatto diretto con la persona risultata positiva, l’Ufficio di Sanità Marittima ha predisposto in via precauzionale l’isolamento fiduciario domiciliare con vigilanza attiva delle 9 risorse, così come previsto dai protocolli sanitari in essere. Al momento – si spiega – la condizione di isolamento è garantita a bordo della motonave Majestic, in ambienti separati dal resto dell’equipaggio. La Compagnia – prosegue la nota – in coordinamento con le autorità locali e nazionali, si è attivata per individuare strutture idonee a terra per la permanenza in isolamento. Le persone non presentano alcun sintomo; per il resto dei lavoratori a bordo, rientrando nella categoria “contatto di contatto”, le misure di prevenzione constano nelle norme igieniche rafforzate così come diramate dai ministeri e dalla autorità competenti. La Compagnia – conclude la nota – è fattivamente impegnate a supportare le Autorità».

Leggi anche:
– 
Coronavirus, nave in quarantena nel porto di Napoli, in Campania 50 contagi e 14 ricoverati. C’è il primo paziente guarito 
– Matrimoni e funerali solo con parenti stretti, la Messa ai tempi del Coronavirus: si adegua anche la Diocesi di Aversa 
– Ucciso perché non pagava il pizzo alla ‘ndrangheta, la Dia fa luce sull’omicidio di Sante Nigro: due arresti 
– Scuole chiuse per il Coronavirus, il Governo pensa ad aiuti per le famiglie: voucher, congedi straordinari e permessi
– 
Visite a scaglioni, disinfettanti e smart working: Ercolano resiste al coronavirus. Sirano:«Noi in trincea per la cultura» 
– Coronavirus, ludoteche aperte a Caserta nonostante il divieto: quattro titolari denunciati dai carabinieri 
– Coronavirus, all’università Orientale di Napoli gli esami continuano: non più di cinque studenti alla volta
– 
Coronavirus, tanta confusione e zero prenotazioni. Iaccarino: «Gli albergatori di Napoli e Sorrento rischiano il manicomio» 
– Rinviato il referendum sul taglio dei parlamentari, il ministro D’Incà: «Provvedimento opportuno» 
– Coronavirus, la Regione Campania: «Sospese le visite ambulatoriali negli ospedali fino al 18 marzo»

venerdì, 6 Marzo 2020 - 13:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA