Coronavirus, la paura di perdere il lavoro e le ‘zone rosse’ violate: denunciati 2 di Padova, erano a Capri per lavoro


Pur di non perdere il lavoro hanno violato la ‘zona rossa’ di Padova (prima che l’intera Italia diventasse zona protetta) e hanno raggiunto l’isola di Capri. Ma sono stati segnalati alla Polizia municipale e hanno rimediato una denuncia e sono stati costretti pure all’isolamento nella pensione dove stavano alloggiando.

E’ un’ennesima storia di irresponsabilità e di mancanza di osservanza delle regole, ma anche una storia di necessità e di paura. La necessità, per chi non è dipendente statale e dunque non ha tutte le tutele del caso (inclusa la sicurezza di ricevere a fine mese lo stipendio pur stando a casa), di continuare a lavorare perché poi c’è da fare i conti con le bollette, magari l’affitto di casa o le rate del mutuo.

Due operai di Padova, nei giorni scorsi, sono riusciti a raggiungere Capri dove hanno preso alloggio in una pensione: avrebbero dovuto eseguire lavori di restyling di una boutique straniera, la cui apertura è prevista in estate. Il titolare della pensione, verificata la loro provenienza, ha però avvertito la Polizia Municipale. I due operai – che si erano imbarcati per l’isola a Napoli, superando i controlli al Molo Beverello – sono stati rintracciati dagli agenti del Commissariato di Capri in un supermercato e riaccompagnati nella pensione, dove ora dovranno restare per i 14 giorni previsti per la quarantena.

Leggi anche:
– 
Coronavirus, campionato di calcio sospeso fino al 3 aprile ma c’è la deroga per le Coppe. Ecco il decreto 
– Coronavirus, riecco l’Italia degli irresponsabili: assalto ai market dopo il decreto. Il Governo: «Spesa garantita» 
– Coronavirus in Campania, De Luca dopo la fuga dal Nord: «Ci sarà un picco di contagi. Aiutateci o pagheremo un prezzo alto»
– Allarme fake news: «Il Coronavirus è arrivato a Martina Franca». Ma è una bugia: 21enne nei guai
– Coronavirus a Napoli, contagiata giudice dopo vacanza al Nord: chiusa intera sezione civile del tribunale
– I detenuti bruciano San Vittore, Mirabelli (Pd): «No giustificazioni, ma problema serio: scarcerare i definitivi di pochi mesi»
– Coronavirus, tensioni anche nel carcere di Foggia contro le misure del Governo: i detenuti evadono scavalcando i cancelli 

martedì, 10 Marzo 2020 - 14:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA