Tentano di incendiare un negozio nel Napoletano, arrestati marito e moglie: minacce al commerciante per avere 10mila euro

Carabinieri

Hanno cosparso di liquido infiammabile gli scaffali di un negozio e hanno appiccato le fiamme. Gli autori del raid sono marito e moglie, un 36enne ed una 34enne di Boscoreale, che sono stati arrestati dai carabinieri per tentata estorsione ai danni di un commerciante di Terzigno.

L’imprenditore ha chiesto l’intervento dei militari quando uno dei due arrestati – utilizzando una tanica di benzina – ha cosparso alcuni scaffali di liquido infiammabile dandogli poi fuoco. La 34enne, mentre il marito incendiava il locale insultava e minacciava di morte il negoziante.

Secondo quanto accertato dai carabinieri, i due arrestati avevano imposto all’imprenditore il pagamento di una somma di oltre 10mila euro. Se non avesse ceduto alle richieste estorsive, l’intero negozio sarebbe stato incendiato. Arrestati in flagranza durante l’atto intimidatorio, i due sono stati sottoposti ai domiciliari e sono ora in attesa di giudizio.

Leggi anche:
– 
Coronavirus, campionato di calcio sospeso fino al 3 aprile ma c’è la deroga per le Coppe. Ecco il decreto 
– Coronavirus, riecco l’Italia degli irresponsabili: assalto ai market dopo il decreto. Il Governo: «Spesa garantita» 
– Coronavirus in Campania, De Luca dopo la fuga dal Nord: «Ci sarà un picco di contagi. Aiutateci o pagheremo un prezzo alto»
– Allarme fake news: «Il Coronavirus è arrivato a Martina Franca». Ma è una bugia: 21enne nei guai
– Coronavirus a Napoli, contagiata giudice dopo vacanza al Nord: chiusa intera sezione civile del tribunale
– I detenuti bruciano San Vittore, Mirabelli (Pd): «No giustificazioni, ma problema serio: scarcerare i definitivi di pochi mesi»
– Coronavirus, tensioni anche nel carcere di Foggia contro le misure del Governo: i detenuti evadono scavalcando i cancelli 

martedì, 10 Marzo 2020 - 10:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA