Coronavirus, a Ercolano la spesa si fa ogni 7 giorni: è il primo comune campano sopra i 50mila abitanti a ‘fermare’ i cittadini

Ciro Buonajuto
Il sindaco di Ercolano (Na) Ciro Buonajuto

Anche Ercolano, comune a sud di Napoli e conosciuta nel mondo per i suoi Scavi, sposa il modello della spesa a scaglioni e una volta a settimana, in base ad un rigoroso ordine alfabetico. La decisione è stata comunicata dal sindaco Ciro Buonajuto (ex Pd e oggi Italia Viva) e segue l’ordinanza firmata poche ore fa dal sindaco di un altro comune campano, quello di Angri, in provincia di Salerno.

E’ una scelta di peso, perché Ercolano non è un piccolo comune. Conta infatti ben 53mila abitanti su una superficie di quasi 20 chilometri quadrati. Per fare una paragone: Ercolano è simile nei numeri di popolazione ed estensione territoriale a Gallarate, comune in provincia di Varese. Ecco, dunque che sarà importante capire in che modo, a partire dalla giornata di domani 24 marzo, verrà gestita la ‘spesa’.

Leggi anche / Coronavirus, ancora 602 vittime e la metà si registrano in Lombardia. Ma i dati sono in lieve calo rispetto a domenica

Il criterio è fissato è lo stesso adottato da Poste Italiane per l’accesso ai pensionati, replicato dal sindaco di Angri (comune che conta 31mila abitanti circa) e adottato in Campania, per la prima volta, dal sindaco di Saviano pochi giorni fa: si procede per fasce alfabetiche (vale l’iniziale del cognome del capofamiglia), il che di fatto consentirà agli ercolanesi di fare spesa una volta a settimana.

Leggi anche / Coronavirus, a San Giorgio a Cremano è vietato sedersi sulle panchine. A spasso col cane solo sotto casa

Il lunedì potranno recarsi presso gli esercizi commerciali che vendono generi alimentari tutti quelli i cui cognomi vanno dalla A alla B. Il martedì è per la lettera C. Mercoledì via libera alla spesa per le lettere D, E e F. Dalla G alla M si esce il giovedì; dalla N alla S il venerdì. Infine, il sabato potranno fare spesa quelli i cui cognomi vanno dalla T alla Z. E’ escluso da questa rigida turnazione l’acquisto di farmaci: ci si potrà recare in qualsiasi momento presso farmacie e parafarmacie.

Sul rispetto dello schema di accesso ai supermercati interverranno le forze dell’ordine. Facile, dunque, immaginare che si privilegerà un meccanismo di controllo all’esterno dei punti vendita di generi alimentari.

Leggi anche:
– Lombardia, Fontana chiede al Governo se c’è conflitto con la sua ordinanza. Ma in Campania De Luca va dritto come un treno
– Carceri, mascherine di carta attaccate con le spillette o chirurgiche: la dotazione per la Penitenziaria in alcune carceri
– Coronavirus, stabilimento Fca produrrà mascherine. La Ferrari supporterà la produzione di respiratori
– Coronavirus, a San Giorgio a Cremano è vietato sedersi sulle panchine. A spasso col cane solo sotto casa
– Coronavirus, a Napoli estubati altri 4 pazienti trattati con il farmaco anti-artrite
– Coronavirus, spesa ogni sette giorni: pugno duro di un sindaco del Salernitano, ingressi scaglionati per ordine alfabetico

lunedì, 23 marzo 2020 - 19:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA