Coronavirus, stabilimento Fca produrrà mascherine. La Ferrari supporterà la produzione di respiratori

Ferrari contro il Coronavirus

Fca avvierà da oggi le attività per convertire uno dei suoi stabilimenti nella produzione di mascherine con l’obiettivo di arrivare a produrne un milione al mese da donare a soccorritori e operatori sanitari. Lo ha annunciato l’ad del Gruppo, Mike Manley, in una lettera ai dipendenti resa nota da fonti sindacali.

Leggi anche / Coronavirus, la Procura di Milano vuole pene più dure per chi viola le misure contro il contagio: carcere e ammenda

«In questi tempi eccezionali stiamo valutando come poter sfruttare l’ingegno e le competenze di Fca per aiutare la comunità», sottolinea Manley ricordando che in Italia «i nostri team di engineering e del manufacturing insieme ai colleghi della Ferrari stanno collaborando con Siare Engineering, una delle poche aziende che producono respiratori, per aiutarli a raddoppiare la loro produttività».

Leggi anche / Coronavirus: in pausa cantieri e fabbriche di auto, stop al Made in Italy. L’elenco delle fabbriche chiuse

«A partire da lunedì – precisa Manley – avvieremo tutte le attività necessarie per convertire uno dei nostri stabilimenti alla produzione di mascherine facciali. L’obiettivo è di iniziare la produzione nelle prossime settimane e arrivare a produrre oltre un milione di mascherine al mese che saranno donate ai primi soccorritori e agli operatori sanitari. Poter reindirizzare le nostre risorse a sostegno di chi ne ha più bisogno mi rende orgoglioso di far parte di questa azienda».

Leggi anche / Coronavirus, Conte annuncia la ‘serrata’
ma il decreto lascia aperto quasi tutto. Ira dei sindacati: «Pronti allo sciopero»

«A livello globale il nostro settore rappresenta quasi il 6% della produzione economica e l’8% del commercio, e crea milioni di posti di lavoro. Siamo uno dei più importanti motori dell’economia mondiale. Voglio assicurarvi che, oltre a gestire le incombenze più pressanti, sono altrettanto impegnato ad assicurare che Fca emerga da questo momento più forte che mai, proponendosi come un punto cardine nel processo di ripresa e rinnovamento del settore» conclude Manley nella lettera.

Leggi anche:
– Sorrento piange la prima vittima del Coronavirus, è un anziano già malato. Il sindaco Cuomo: «Non è solo un numero»
– 
Coronavirus, Conte annuncia la ‘serrata’ ma il decreto lascia aperto quasi tutto. Ira dei sindacati: «Pronti allo sciopero» 
– Inchiesta sul pm Palamara, disposto il sequestro dei beni: provvedimento anche per un imprenditore e una donna
– Un cordone ombelicale, da Napoli a Parigi, per salvare la vita a un bambino
– Coronavirus, l’Rc auto si paga ma resta valida più a lungo. Trenta giorni per pagare le multe in maniera ridotta 
– 
Coronavirus, mascherine fai da te prodotte in casa e vendute sul web: 48enne nei guai nel Napoletano 

lunedì, 23 marzo 2020 - 13:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA