Coronavirus, a Poggioreale installato il termoscanner: primo carcere in Italia

(foto Kontrolab)

E’ la casa circondariale di Napoli Poggioreale il primo carcere italiano in cui è stato installato il termoscanner grazie al quale sarà possibile analizzare la temperatura di chiunque entri o esca dall’istituto penale.

Leggi anche / Coronavirus, schizza verso l’alto il numero dei nuovi contagiati: + 4500 casi; altre 662 vittime. Sale la paura in Lombardia

Lo rende noto l’Uspp. «Diamo atto all’impegno del direttore del carcere, Carlo Berdini, e a quello del provveditore Antonio Fullone – affermano in una nota il presidente dell’Unione Sindacati di Polizia Penitenziaria Giuseppe Moretti e il segretario regionale della Campania Ciro Auricchio – che hanno fatto installare all’ingresso della casa circondariale di Napoli Poggioreale il primo termo-scanner. Sarà in uso per tutte le persone che accederanno nel penitenziario e va ad aggiungersi alla tensostruttura, già installata, destinata al triage dei detenuti che fanno ingresso nel carcere».

Leggi anche:
–  Coronavirus, anche a Enna si usa il farmaco anti-artrite: trattati 4 pazienti. Chiesto l’impiego per altri 3 malati
– Coronavirus, pagamenti bonus e cig in 30 giorni: Tridico rassicura le imprese. E sulle pensioni: «C’è liquidità, nessun rischio»
– Coronavirus, San Giorgio piange la sua terza vittima. Dieci i contagi in città e Zinno lancia una campagna choc sui social 
– Coronavirus, contrabbando di sigarette ‘porta a porta’ per agevole i clienti
– A Napoli scoperte 633 auto fantasma: sanzioni per 340mila euro. Due denunciati
– Coronavirus, in Campania si cercano condizionatori per le tende. A Capri e Anacapri servono alloggi

giovedì, 26 Marzo 2020 - 20:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA