Coronavirus, Boris Johnson positivo e nel Regno Unito i contagi sfiorano quota 12mila

Boris Johnson

I sintomi sono lievi e quindi adesso è in isolamento domiciliare a casa. Il primo ministro britannico Boris Johnson, sostenitore ‘pentito’ della linea dell’immunità di gregge (che tante critiche ha sollevato ed è stata quasi subito abbandonata), è risultato positivo al Coronavirus. La notizia è stata riportata dall’agenzia Reuters. «Sono in autoisolamento», ha detto, secondo quanto riportato da Reuters, «ma continuerò a guidare la risposta del governo, in videoconferenza, nella lotta a questo virus».

Una lotta che nel Regno Unito si è quasi subito declinata nella chiusura di scuole, pub, ristoranti, club, discoteche, palestre, centri di scommesse, centri di massaggi, cinema, teatri, piscine e casinò. Un lockdow necessario e che ha spazzato via il primo approccio avuto da Johnson rispetto ai primi casi di contagio nel suo paese: «Abituatevi a perdere i vostri cari», disse in occasione di un discorso in cui contestava la validità di quelle misure draconiane che dopo l’onda di malumore e di proteste della collettività ha finito con l’adottare.

Quanto ai numeri del contagio nel Regno Unito, in base agli ultimi dati i casi accertati sono 11.658, con 578 morti, secondo i dati del ministero britannico della Sanità. Il 26 marzo, per la prima volta, i decessi sono aumentati di oltre 100 (+115) in un giorno. Intanto, i test eseguiti nel Paese sono saliti a quasi 105.000. Il virus ha colpito anche la famiglia reale: il principe Carlo, erede al trono e figlio della Regina Elisabetta, è stato trovato positivo due giorni fa. La Regina invece è in buona salute.
In questo contestato di emergenza, segnali di grandissima sofferenza arrivano già dalla sanità britannica: medici e infermieri chiedono garanzie sugli equipaggiamenti protettivi e le condizioni minime di lavoro sul fronte dell’emergenza Coronavirus.

Leggi anche:
– 
Coronavirus, il grande cuore dell’Arma: senza soldi e cibo chiama il 112, i carabinieri gli regalano la spesa 
– Neanche il Coronavirus ferma la burocrazia, arriva il quarto modulo di autocertificazione degli spostamenti 
– Coronavirus, pagamenti bonus e cig in 30 giorni: Tridico rassicura le imprese. E sulle pensioni: «C’è liquidità, nessun rischio»
– Coronavirus, San Giorgio piange la sua terza vittima. Dieci i contagi in città e Zinno lancia una campagna choc sui social 
– Coronavirus, contrabbando di sigarette ‘porta a porta’ per agevole i clienti
– A Napoli scoperte 633 auto fantasma: sanzioni per 340mila euro. Due denunciati
– Coronavirus, in Campania si cercano condizionatori per le tende. A Capri e Anacapri servono alloggi

venerdì, 27 Marzo 2020 - 12:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA