Coronavirus in Campania, +122 casi ma la curva dei contagi continua a scendere. Test rapidi sui sanitari

Coronavirus - Tende al Cotugno
(foto Kontrolab)

Continua a calare il trend giornaliero dei contagi da Coronavirus in Campania. Ieri sono stati registrati 122 casi di positività al Covid19 (il 29 marzo erano stati 193): il totale è arrivato a 2067, con 125 decessi dei quali 8 solo nelle ultime 24 ore; i guariti sono 88 (18 che non hanno più positività e 70 solo clinicamente guariti). In tutto nella giornata di ieri sono stati effettuati 2067 tamponi, in totale la ‘tamponatura’ è arrivata a 14162 test. E da oggi, restando in tema di test per l’accertamento della positività al virus, partirà lo screening degli operatori campani della Sanità.

Guardando al dato nel dettaglio, è stato diffuso dall’Unità regionale anche il dato provincia per provincia: il boom di contagi è a Napoli con 991 (416 Napoli città e 575 nell’area metropolitana); segue Salerno con 338;  Avellino con 220; Caserta con 206; Benevento  70. Mentre 127 casi sono ancora da verificare.

Leggi anche / Coronavirus: morti altri 812 pazienti. I nuovi contagi sono 1.648 ma è record di guariti: 1.590 nelle ultime 24 ore

Passando alle aziende ospedaliere impegnate negli screening, questo il dato dei tamponi effettuati:

– Ospedale Cotugno di Napoli: sono stati esaminati 426 tamponi di cui 27 positivi;
– Ospedale Ruggi di Salerno: sono stati esaminati 153 tamponi di cui 13 positivi;
– Ospedale Moscati di Aversa: sono stati esaminati 58 tamponi di cui 7 positivi;
– Ospedale Moscati di Avellino: sono stati esaminati 116 tamponi di cui 8 positivi;
– Azienda Universitaria Federico II: sono stati esaminati 44 tamponi di cui 4 positivi;
– Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno: sono stati esaminati 393 tamponi di cui 62 positivi
– Ospedale di Nola: sono stati esaminati 41 tamponi di cui 3 positivi;
– Ospedale San Pio di Benevento sono stati esaminati 20 tamponi di cui 7 positivi

A Torre del Greco continuano i contagi (ieri se ne sono registrati altri 2) ed è morto un altro paziente, un 84enne; sale dunque a 52 il numero delle persone positive nella città del corallo (20 in ospedale e 32 in isolamento fiduciario a casa); i decessi sono ad oggi 10. Nelle prossime ore si attende l’esito di altri tamponi effettuati.  A Portici tutti negativi i 54 tamponi effettuati, il bilancio è di 9 contagiati, compresa l’anziana donna deceduta la scorsa settimana; nessun contagio anche ad Ercolano (dove il numero dei positivi resta di cinque); restando in provincia, ier il sindaco di San Giuseppe Vesuviano, l’avvocato Vincenzo Catapano, ha annunciato di essere positivo mentre il primo decesso da Covid 19 è stato registrato a Marigliano, il paziente era ricoverato a Nola.

Leggi anche / Coronavirus, 62 anziani e 30 operatori sanitari in isolamento dopo il decesso di 2 persone nell’Avellinese

La situazione più preoccupante riguarda le Rsa, le residenze per gli anziani. Proseguono quindi i controlli straordinari disposti da De Luca su tutte le Residenze Sanitarie Assistenziali della Campania. Strutture accreditate, ma non solo: nel quartiere di Fuorigrotta a Napoli è stata scoperta una struttura di accoglienza denominata “Casa Famiglia”, nella quale nonostante ci fossero 42 ospiti ed alcuni di essi in condizioni sospette, con sintomi anche gravi, l’allarme è scattato solo quando è stato chiamato il 118 per la morte di uno di loro Sia la persona deceduta, sia tutti gli ospiti sono stati sottoposti a tampone e in attesa dell’esito, tre pazienti sono stati trasferiti in strutture ospedaliere; mentre per gli altri un team di medici dell’Asl Napoli 1 è da questo pomeriggio presso la struttura per monitorare lo stato di salute di ogni ospite. Sulla vicenda indagano i Nas dei carabinieri.

Infine partono oggi i test rapidi per il personale ospedaliero attraverso l’utilizzo di sistemi di rilevazione degli anticorpi IgM e IgG anticoronavirus e l’attivazione di 10 laboratori per la ricerca del virus. I test verranno utilizzati nella prima fase del protocollo, insieme al tampone, per l’individuazione precoce degli infetti e per una valutazione epidemiologica di siero prevalenza nella popolazione, iniziando dai soggetti maggiormente esposti (operatori sanitari delle Aziende Sanitarie inseriti nei percorsi Covid-19 positivi e nelle Reti tempo dipendenti) e dai pazienti sintomatici e/o esposti.

I test per i pazienti avverranno nel tre- triage e triage degli ospedali, nelle aree di emergenza- urgenza e negli ambulatori di dialisi, oncologia e radioterapia. I test agli operatori sanitari verranno effettuate ai soggetti esposti nelle aree Covid19 e dai 118.

Leggi anche:
– 
Coronavirus in Campania, +122 casi ma la curva dei contagi continua a scendere. Partono i test rapidi sui sanitari 
– Rogo al Tribunale di Milano, riapertura con l’inagibilità dei piani distrutti
– Napoli, la ‘fake news’ delle 2 persone armate che girano nei palazzi al Vomero: immagini ‘rubate’ da un caso in Germania
– Pozzuoli, balli e canti in strada: così gli irresponsabili offendono le vittime del Coronavirus e i medici in trincea
– Coronavirus, positivo il sindaco di San Giuseppe Vesuviano. Primi cittadini in prima linea, sono a rischio contagio

martedì, 31 marzo 2020 - 08:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA