Coronavirus, kit per i test e mascherine contraffatte: sito web sequestrato

Polizia postale

Il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Napoli, nell’ambito delle attività di monitoraggio degli spazi web volte ad individuare i responsabili di azioni illecite connesse all’emergenza Coronavirus, ha scoperto un sito denominato “Testcovid19.it” attraverso il quale veniva pubblicizzata la vendita di kit per la rilevazione dell’infezione da Coronavirus, di termometri digitali, mascherine FFP2 e KN95, nonché di mascherine chirurgiche. La vendita configurava azioni speculative fraudolente in quanto tutto il materiale era di scarsa qualità e sprovvisto della validazione dell’Autorità Sanitaria Nazionale, nonché privo della certificazione CE e dei prescritti requisiti di tracciabilità e di affidabilità.

Leggi anche / L’Italia pensa alla ‘fase 2’, ma c’è bisogno di ospedali vuoti e scelte coraggiose su ‘zone rosse’ in caso di nuovi picchi

Il sito, registrato da un cittadino partenopeo nello scorso mese di marzo, proponeva la vendita di dispositivi di protezione individuale a prezzi concorrenziali, acquistati, a loro volta, da un fornitore cinese online. La perquisizione ha consentito di sequestrare un grosso quantitativo di materiale sanitario, tra cui 5000 scatole, riportanti la dicitura «Test rapido Covid-19» e 560 mascherine tipo ‘KN95’, riportanti un marchio ‘CE’ contraffatto.

Leggi anche / Coronavirus, in Campania si ammalano più giovani rispetto alla media nazionale. De Luca: «Colpa dell’esodo dal Nord»

L’operazione condotta dal Compartimento di Napoli rientra nelle attività coordinate a livello centrale dal Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni, finalizzate al contrasto delle vendite fraudolente, e per individuare illecite raccolte fondi da destinare agli ospedali. Il test per la diagnosi del Covid-19 – ricorda la polizia – deve necessariamente essere eseguito da operatori specializzati che fanno capo al Dipartimento di prevenzione della Asl competente per territorio. In caso di positività al nuovo coronavirus, la diagnosi deve essere confermata dal laboratorio di riferimento nazionale dell’Istituto Superiore di Sanità.
Non esistono kit commerciali per la diagnosi dell’infezione.

Leggi anche:
– Coronavirus, la Germania a corto di pasta fa spesa in Italia: pronti treni speciali per gli acquisti
– Coronavirus, cambia la spesa degli italiani: i prodotti più venduti sono farina e lievito
– Coronavirus, Fontana attacca Roma: «Riceviamo solo briciole». Boccia: «In giro solo mezzi militari per la Lombardia»
– Troppi casi di Coronavirus in 3 comuni del Napoletano: De Luca scrive al prefetto e chiede 300 unità delle Forze Armate
– Mascherine vendute all’Asl di Bari a prezzi maggiorati e mai consegnate: perquisite le sedi di 3 società del Nord, tre indagati
– Coronavirus, bonus da 600 euro: ecco quando arriverà sui conti dei lavoratori e per quanto tempo potranno richiederlo

sabato, 4 aprile 2020 - 09:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA