«In quel market ci sono salumi più buoni», multati due cittadini di Portici: hanno ‘sconfinato’ per fare spesa


Da Portici a San Giovanni a Teduccio per fare spesa, perché non volevano rinunciare alla qualità dei prodotti forniti dal punto vendita del quartiere alla periferia est di Napoli. E’ così che si sono giustificare due persone di Portici, comune a sud di Napoli, quando sono state fermate dai carabinieri durante un controllo anti-contagio.

Coronavirus, calo netto dei contagi ma 605 morti. Rezza (Iss): «Non significa ‘tana, liberi tutti’». Nelle Rsa morti ‘nascosti’

I due dapprima si sono recati presso l’ufficio postale di via delle Repubbliche Marinare e poi hanno raggiunto una salumeria sempre a San Giovanni a Teduccio. Per giustificare lo ‘sconfinamento’ hanno sostenuto che i salumi venduti nella salumeria sono di qualità superiori rispetto a quelli commercializzati dai market di Portici. Il chiarimento non è però servito ad evitare loro la multa: la qualità di un prodotto non integra infatti il motivo di necessità che consente lo spostamento da un comune all’altro.

Durante i controlli nella zona est di Napoli sono state sanzionate altre sei persone. Inoltre sono cominciati anche i controlli con il drone che ha sorvolato i palazzi dei quartieri di San Giovanni a Teduccio e Barra.

Leggi anche:
Coronavirus, il Gruppo Mondadori premia gli edicolanti aumentando l’aggio: «Hanno garantito un servizio essenziale»
Coronavirus, Mattarella ringrazia gli operatori sanitari. Monito all’Ue: «Basta egoismi nazionali»
– Coronavirus, dimesso Guido Bertolaso: «Grazie a donne e uomini in prima linea»
– Sorelle trovate senza vita in un’abitazione nell’Avellinese: ipotesi suicidio
– Ingiusta detenzione, risarcimento per Bruno Contrada: «Mi hanno dato 10 euro al giorno, ho subito danni irreparabili»
– Coronavirus, a Pasqua e Pasquetta si fermano i mezzi Eav: attivi bus sostitutivi a richiesta
Scuola, via libera del Cdm all’assunzione di 4500 docenti: posti liberi con ‘Quota 100’
 Percepiscono il reddito di cittadinanza ma lavorano in nero: nel 2019 scoperti 599 ‘furbetti’, il 61% a Napoli

martedì, 7 aprile 2020 - 18:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA