Coronavirus, no ai pranzi in famiglia a Pasqua. De Luca: «Vietato muoversi di casa. Controlli contro i rientri dal Nord»

Coronavirus De Luca

«Vietato muoversi di casa il giorno di Pasqua». Il Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca è categorico. Nessuno pensi di uscire per riunirsi ai parenti o per raggiungere le seconde case. «Chi sarà fermato, avrà una multa salata». In diretta Facebook De Luca lancia «un appello particolarmente accorato per questo fine settimana. Rimanere a casa è essenziale, se in questo fine settimana ci rilassiamo e ci divertiamo nelle strade fra due settimane conteremo le migliaia di nuovi contatti. E’ chiaro che sarà una Pasqua che ci ricorderemo tutti quanti. Saranno giorni complicati ma dobbiamo stringere i denti ed evitare atti di irresponsabilità andare in giro». Si può uscire soltanto per problemi legati all’approvvigionamento alimentare, per problemi sanitari, per problemi di acquisto di medicine ma per nessun altro motivo».

Leggi anche / Coronavirus, mascherine obbligatorie in Campania. De Luca: «Prima le produciamo per tutti, poi l’ordinanza a fine mese»

«Saranno sospese le manifestazioni religiose. Seguiamo l’esempio straordinario di Papa Francesco, se il Papa celebra una messa a piazza San Pietro vuota lancia un segnale a tutti quanti. Vuol dire che bisogna rispettare le regole, e questa volta bisogna vivere anche i momenti di fede a casa senza assembramenti». Ma non solo le cerimonie religiose, il Governatore prevede che possano esserci ancora casi di rientro dal Nord in Campania.

Leggi anche / Coronavirus, proposta del Pd: «Imporre ai ricchi di versare un bonus per aiutare i meno abbienti»

«Stiamo lavorando – spiega – perché c’è il pericolo di rientri dal nord verso la Campania e il Sud, ci saranno posti di blocco ai caselli autostradali, ci sarà un controllo preventivo nelle stazioni ferroviarie. Dobbiamo impedire assolutamente che ci venga portata una nuova onda di contagio che ci metterebbe in difficoltà nelle prossime settimane». Chi trasgredirà alle disposizioni potrebbe incorrere in sanzioni vigorose. «Ci sono ammende che vanno da 400 a 4000 euro. Le forze dell’ordine saranno impegnate con grande determinazione contro chiunque sarà trovato fuori casa senza motivo».

 

Leggi anche:
– L’allarme del magistrato Maresca: «La lotta alle mafie sta regredendo di 30 anni»
– Bonus di 600 euro, beffa per avvocati e commercialisti: le Casse chiedono un nuovo documento, fondi quasi esauriti
– 
Vendevano gel disinfettante del 1989 ‘rigenerato’, in Salento sequestrate 27mila confezioni: denunciati due commercianti
– 
Campania, altri 300 milioni di euro contro la crisi: aumentano pensioni al minimo ed assegni sociali, minibond per le imprese
– Coronavirus, quarantena fino al 3 maggio. Dopo Pasqua possibili riaperture per librerie e cartolibrerie

venerdì, 10 Aprile 2020 - 15:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA